L’allarme Promotor sul mercato auto: “Nuovi finanziamenti o danni per le vendite”.

ROMA – L’allarme Promotor sul mercato auto. In una brevissima nota, riportata da RaiNews, il Centro Studi dell’associazione ha precisato che “si è esaurito lo stanziamento previsto dalla Legge di Bilancio per incentivi all’acquisto di auto con emissioni di CO2 tra 61 e 135 gr/km. Lo stanziamento era destinato a sostenere il mercato delle auto nel primo semestre 2021 e si era rivelato decisivo per evitare il crollo delle immatricolazioni, ma insufficiente per l’intero semestre”.

Il presidente Quagliano: “Serve rifinanziare gli incentivi”

Per Promotor a giugno potrebbe esserci “una drastica caduta delle vendite con effetti fortemente negativi sul quadro economico 2021“. E il presidente Gian Primo Quagliano ha aggiunto: “E’ necessario che il Governo affronti subito l’emergenza auto rifinanziando gli incentivi“.

Colori auto
Colori auto

Il mercato auto in difficoltà

Il mercato auto è in netta difficoltà per la pandemia. Il 2020 ha messo in ginocchio un settore specialmente nel primo semestre. Il lockdown e la chiusura di molti negozi hanno portato ad un vero e proprio crollo delle entrate e delle vendite. Una ripresa c’è stata nella seconda parte dell’anno e gli aiuti decisi dal Governo hanno permesso alle aziende di poter sopravvivere e ridurre proprio al minimo le perdite.

Il 2021 doveva essere l’anno del rilancio, ma le varianti e le misure restrittive hanno messo a forte rischio la ripresa. I numeri, infatti, sono inferiori rispetto al 2019, anno pre-Covid, e c’è bisogno degli aiuti da parte dello Stato per poter superare ancora questo momento complicato e ripartire il prima possibile. Nei prossimi giorni possibile un incontro tra le associazioni del settore e il Governo per stabilire i possibili aiuti per l’anno in corso. La speranza è quella di poter ritornare ai dati del periodo prima del coronavirus, ma il percorso si preannuncia ricco di ostacoli e molto ostico.


Istat, crollo dei consumi nel 2020

Borse 9 aprile, Milano in rosso. Lo spread ritorna sopra i 100 punti