Annunciato il cessate il fuoco in Libia. Nuove elezioni a marzo. L’Onu: “Iniziativa coraggiosa”.

TRIPOLI (LIBIA) – Annunciato il cessate il fuoco in Libia. La svolta è arrivata al termine della riunione tra al-Serraj e il presidente del Parlamento di Tobruk, Agila Saleh. Un accordo storico che prevede il ritorno alle urne a marzo con il conflitto che si fermerà su tutto il territorio. Prevista anche la smilitarizzazione di Sirte e di Jufra.

Silenzio di Haftar

Un annuncio che non ha provocato la reazione del generale Khalifa Haftar. Il comandante dell’esercito libico ha preferito non commentare quanto detto da al-Sarraj anche se in passato si era detto disponibile ad un cessate il fuoco.

Accordo che pone fine ad un conflitto che ormai durava da anni e, soprattutto, apre ad un futuro diverso con le elezioni convocate nel 2021. Intesa accolta con molta soddisfazione anche a livello internazionale con l’Onu che ha parlato di “coraggiosa iniziativa“. I contatti andranno nelle prossime settimane per cercare di definire questo accordo e arrivare alle elezioni di marzo 2021 senza altri morti tra i civili o conflitti che hanno segnato la storia di questo Paese.

Libia
fonte foto https://it.wikipedia.org/wiki/Libia

Conte: “Passo importante”

La notizia del cessate il fuoco è stata accolta con soddisfazione anche in Italia. Il premier Conte sui social ha parlato di “un passo importante per il rilancio di un processo politico che favorisca la stabilità del Paese e il benessere della popolazione“.

Possibile nelle prossime ore un confronto tra il presidente del Consiglio e al-Sarraj per avere tutti dettagli dell’accordo che è stato trovato nelle ultime ore. Fine del conflitto ed elezioni a marzo 2021: una ripartenza per un Paese che da anni sta combattendo con la guerra e un bilancio che si è aggravato con il passare dei giorni.

Scarica QUI il Decreto Agosto.

fonte foto copertina https://it.wikipedia.org/wiki/Libia

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
cessate il fuoco Giuseppe Conte Libia

ultimo aggiornamento: 22-08-2020


Gualtieri: “Possibile un forte rimbalzo nel terzo trimestre”. A luglio reddito di cittadinanza a 3 milioni di persone

Salvini: “L’emergenza coronavirus non esiste. Chi dice il contrario è in malafede”