L’ufficio studi della Cgia certifica che le partite iva sono diminuite di oltre il 6%: -345 mila tra febbraio 2020 e marzo 2021.

MESTRE – La pandemia lascia sul campo decine di migliaia di morti e centinaia di migliaia di partite iva. Il dato è stato riportato dalla Cgia.

345 mila partite iva chiuse

L’Ufficio studi degli artigiani ha ricordato che tra febbraio 2020 e lo scorso mese di marzo l’occupazione del cosiddetto popolo delle partite Iva è diminuita di 345 mila unità (-6,6%). In questo anno di pandemia tanti artigiani, esercenti, piccoli commercianti, liberi professionisti e lavoratori autonomi non ce l’hanno fatta e sono stati costretti a gettare definitivamente la spugna.

“Sgarantiti”

Il termine definisce perfettamente questi soggetti che costituiscono la parte del mercato del lavoro italiano più fragile e meno tutelata, senza ammortizzatori sociale o misure di sostegno al reddito. A nulla sono valsi i provvedimenti, quali il bonus di 600 euro. Ora, a un anno e più dall’inizio dello stato d’emergenza, si contano 345 mila chiusure.

https://www.youtube.com/watch?v=-44UEbwfmXw&ab_channel=CorrieredellaSera

Le aziende in difficoltà

Nel mese di marzo, sempre secondo lo studio della Cgia, i lavoratori indipendenti presenti in Italia erano pari a 4.893.000. Stando a quanto riporta l’Istat, sono 292 mila le aziende che si trovano in una situazione di seria difficoltà: queste danno lavoro a 1,9 milioni di addetti e producono un valore aggiunto che sfiora i 63 miliardi di euro. “E’ evidente che non tutti questi operatori economici hanno chiuso o chiuderanno definitivamente i battenti nei prossimi mesi, tuttavia con lo sblocco dei licenziamenti previsto nel prossimo autunno, molti degli addetti di queste piccole attività rischiano di trovarsi senza un’occupazione regolare“, avvertono da Mestre.


Coldiretti, un italiano su due ha trascorso il Primo Maggio all’aperto

Inter, Suning è la prima proprietà straniera a vincere lo Scudetto in Italia. È la rivoluzione del Calcio