Charles Leclerc a Channel 4: “Sebastian Vettel per me è di grande aiuto. Chi è davanti nelle gerarchie? Non lo so ma lui ha vinto quattro campionati del mondo”.

Intervenuto ai microfoni di Channel 4, Charles Leclerc è tornato a parlare dei suoi rapporti con Sebastian Vettel ma questa volta elogiando il compagno di squadra.

Charles Leclerc
Montmelo’ (Spagna) 18/02/2019 – test F1 / foto Federico Basile/Insidefoto/Image Sport nella foto: Charles Leclerc

Charles Leclerc parla di Sebastian Vettel a Channel 4

Nelle prima parte della sua intervista Leclerc ha parlato dell’importanza di Vettel per il futuro.

“Per me è una cosa nuova nuova quella di guardare alla macchina del prossimo anno, perché finora ho cambiato team in ogni stagione. Ma, in questo momento, penso mi serva avere al mio fianco Seb che è abituato a questo tipo di cose. Guarda allo sviluppo dell’auto e a quali sono le cose più importanti da dire al team. Ci sono molte cose da dire, ma se dici tutto puoi confondere l’ingegnere e Seb in questo è di grande aiuto“.

Sebastian Vettel
12.03.2015 – Sebastian Vettel (GER) Scuderia Ferrari SF15-T Australian Grand Prix, Melbourne 12 – 15 March 2015 PUBLICATIONxNOTxINxUK 12 03 2015 Sebastian Vettel ger Scuderia Ferrari T Australian Grand Prix Melbourne 12 15 March 2015 PUBLICATIONxNOTxINxUK

Le gerarchie in casa Ferrari

Inevitabile poi un passaggio sulle gerarchie e sui rapporti di forza all’interno della Ferrari. Leclerc ha incoronato il compagno di Scuderia.

“Chi è davanti nelle gerarchie? Non ne ho idea, ma Sebastian ha vinto quattro campionati del mondo io non ne ho vinto nessuno. Penso che abbia molta esperienza […]. È molto veloce, molto forte, sto imparando molto da lui e alla fine della stagione vedremo. Non sono io che decido chi è il numero 1 o il numero 2. In questo momento sono felice così e sono molto fortunato ad avere Seb al mio fianco”.


MotoGP, prima pole di Marquez a Motegi. Morbidelli e Quartararo in prima fila

MotoGP, decima vittoria stagionale per Marquez. Quartararo e il Dovi sul podio. Rossi cade