Charles Leclerc vuole scavalcare Sebastian Vettel nelle gerarchie della Ferrari. Il monegasco riaccende la sfida a distanza con il compagno di Scuderia.

In questo finale di stagione Charles Leclerc corre di fatto per un solo obiettivo: scavalcare Sebastian Vettel nelle gerarchie della Ferrari in vista del prossimo Mondiale.

Charles Leclerc Monza
fonte foto https://twitter.com/pirellisport

Charles Leclerc vuole scavalcare Vettel nelle gerarchie della Ferrari

Nell’intervista rilasciata ai microfoni di Motorsport, il monegasco ha parlato del prossimo anno con una stentata diplomazia (“decideranno Mattia Binotto e il managment”) che cozza con le ambizioni personali (“ho dimostrato di essere veloce e credo di aver dimostrato le mie qualità).

Leclerc vorrebbe giocare ad armi pari con il compagno di Scuderia e vorrebbero che fossero i risultati in pista a stabilire le gerarchie. Questo significherebbe concedere carta bianca ai piloti nelle prime gare del prossimo anno. Uno scenario che sembrerebbe contrastare con la filosofia della casa di Maranello, in qualche modo ossessionata dal controllo della situazione. Un’ossessione anche legittima per molti aspetti.

Sicuramente il monegasco deve crescere dal punto di vista professionale. Il suo talento al volante non si discute, la sua gestione del pre e del post-gara invece è tutta da migliorare. Soprattutto per quanto riguarda la diplomazia ai microfoni della stampa e nei team radio, che diventano spesso preda della stampa. Presto o tardi.

Charles Leclerc e Sebastian Vettel
fonte foto https://twitter.com/ScuderiaFerrari

La sfida a distanza tra i piloti della Ferrari

Le ultime gare del 2019 serviranno a Leclerc per consolidare la sua posizione. Nel corso dell’anno il monegasco, inizialmente tenuto a briglie strette, ha dimostrato di saper e poter competere con le Mercedes. Quando assistito dalla macchina ovviamente.

Per le doti tecniche messe sul piatto il giovane pilota è in vantaggio su Vettel, almeno ai punti. Il tedesco si è salvato con reazioni improvvise ed estemporanee ma non ha convinto. Le sue sorti dipendono dal coraggio della Scuderia Ferrari. Se il team dovesse decidere di puntare su Leclerc il campione tedesco dovrà prendere una decisione ardua. Accettare l’incarico di scudiero o lasciare il volante della Rossa. A meno che in questa ultima parte di Mondiale Seb non riesca a rimettere al suo posto l’ingombrante compagno di Scuderia.


Formula 1, Vettel davanti a tutti nelle libere in Messico. Leclerc terzo

Carreggiata: definizione e normativa di riferimento