È morto in Australia il direttore gara di Formula 1 Charlie Whiting per un’embolia polmonare. Aveva 66 anni.

MELBOURNE (AUSTRALIA) – Improvviso lutto nella Formula 1. Nella notte tra mercoledì 13 e giovedì 14 marzo in Australia, dove nel weekend è previsto il primo GP della stagione, è morto il direttore di gara Charlie Whiting per un’embolia polmonare.

Morto Charlie Whiting, Jean Todt: “Sono rimasto scioccato”

La notizia è stata confermata anche dal presidente della FIA, Jean Todt: “Sono rimasto scioccato – ha dichiarato citato dall’ANSAper l’improvvisa morte di Whiting. Un grande direttore di gara, una figura centrale e inimitabile della Formula Uno che ha incarnato l’etica e lo spirito di questo sport“.

La notizia, come confermato anche dal dolore di Jean Todt, è arrivata come un fulmine a ciel sereno nel mondo della Formula 1. Whiting sembrava in buone condizioni e si trovava in Australia per il primo Gran premio della stagione. L’impressione è che nessuno immaginasse la sua scomparsa, che ha lasciato un grande vuoto in tutto il mondo della Fia e della Formula 1.

La carriera di Charlie Whiting

Whiting mosse i primi passi nel mondo della Formula 1 nel 1977, quando iniziò la sua avventura nel team Hesketh. Entrò regolarmente nella FIA une decina di anni più tardi, mentre nel 1997 divenne direttore di gara, ruolo per il quale tutti gli amanti della Formula 1 lo ricordano con grande affetto oltre che con grande stima. Ovviamente anche alla luce del suo ruolo ha dovuto prendere decisioni anche discutibili, ma nessuno ha mai messo in dubbio la sua grande passione per i motori.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
Charlie Whiting Formula 1 jean todt motori News sport

ultimo aggiornamento: 14-03-2019


Jerez, vasto incendio nel paddock: moto distrutte

Sci Alpino, il sogno diventa realtà per Dominik Paris