Chelsea, Alvaro Morata: “Sarri ha voluto che restassi, ma sarei potuto andare in Italia”

L’ex attaccante della Juventus, Alvaro Morata, ammette: “Tornare in Italia o Spagna sarebbe stato semplice, ma voglio impormi qui“.

La seconda stagione di Alvaro Morata al Chelsea è iniziata in maniera positiva. Nella sfida di sabato con l’Arsenal, vinta per 3-2 dai Blues, l’attaccante spagnolo è andato a segno, risultando decisivo. Come riportato dalla Gazzetta dello Sport, l’ex Juve, accostato a lungo al Milan, ha voluto togliersi qualche sassolino dalla scarpa: “Non ho mai pensato di andarmene. Per me sarebbe facile, potrei tornare benissimo in Spagna o in Italia, dove ho solo persone che credono in me, ma voglio cambiare le cose qui“.

Chelsea, Alvaro Morata elogia Sarri

Tra i motivi che lo hanno spinto a rimanere a Londra, però, non va sottovalutato l’arrivo di Maurizio Sarri, che ha creduto fortemente nelle sue qualità. Spiega l’attaccante: “Lui ha voluto la mia permanenza, se non fossi stato nei piani del club me ne sarei andato“.

Quindi, l’ex juventino non ha lesinato una stoccata all’ex tecnico Antonio Conte: “La scorsa stagione la manovra si incentrava sulle palle alte (e sporche) dirette a me e io dovevo proteggerle dando spalle alla porta, non la mia migliore qualità. Ora posso attaccare lo spazio, giocare con un solo tocco e buttarmi in area per i cross. Così posso dare il meglio di me“.

Il gioco di Sarri sembra dunque aver già stregato anche Alvaro Morata, che a lungo era stato accostato al Milan sia con Gattuso in panchina che con l’eventuale arrivo di Conte.

Nel video gli highlights di Chelsea-Arsenal:

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 20-08-2018

Mauro Abbate

X