L’Ucraina chiede il cessate il fuoco per consentire il ripristino dell’alimentazione a Chernobyl

Il ministro degli Esteri ucraino ha chiesto un cessate il fuoco per consentire l’esecuzione di riparazioni per ripristinare la fornitura di elettricità alla centrale nucleare di Chernobyl.

L’operatore energetico statale ucraino in precedenza aveva affermato che le forze russe avevano disconnesso la centrale nucleare dalla rete, ha riferito Reuters.

Energoatom, la compagnia nucleare statale ucraina, ha avvertito che la situazione potrebbe portare al rilascio di sostanze radioattive dall’impianto.

Il vento può trasferire la nube radioattiva ad altre regioni dell’Ucraina , della Bielorussia, della Russia e dell’Europa.

Se la situazione persiste, “tutto il personale riceverà una pericolosa dose di radiazioni”, ha continuato il ministro.

I lavori per riparare il collegamento e ripristinare l’alimentazione alla centrale, che è stata occupata dalle truppe russe, non erano stati possibili perché erano in corso combattimenti, ha affermato.

Il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba, ha affermato che i generatori diesel di riserva della centrale nucleare di Chernobyl hanno una capacità di 48 ore.

Successivamente, i sistemi di raffreddamento dell’impianto di stoccaggio del combustibile nucleare esaurito si fermeranno, rendendo imminenti le perdite di radiazioni.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 09-03-2022


Guerra Ucraina, soldati russi demoralizzati

L’oligarca russo Alisher Usmanov ha licenziato l’equipaggio del suo yacht