Amy Coney Barrett nominata giudice della Corte Suprema. Biden attacca: “Voto spetta al prossimo congresso”.

WASHINGTON (STATI UNITI) – Amy Coney Barrett la nuova giudice della Corte Suprema. Dopo le ultime indiscrezioni, è arrivata la nomina ufficiale di Donald Trump.

Una scelta non condivisa da Joe Biden che attacca: “Il voto spetta al prossimo congresso“.

La scelta del nuovo giudice

La scelta del nuovo giudice potrebbe essere fondamentale per Donald Trump. In caso di elezioni contestate, infatti, l’attuale Presidente degli Usa potrebbe portare il risultato elettorale davanti alla Corte Suprema. E per questo l’ex tycoon non ha deciso di non ritardare il percorso per ratificare l’approdo di Barrett alla Corte Suprema.

La nomina è stata ufficializzata nella serata italiana di sabato 26 settembre 2020. Ora i diversi appuntamenti con le audizioni in Senato che inizieranno il prossimo 12 settembre.

Casa Bianca
Casa Bianca

Chi è Amy Coney Barrett

Nata a New Orleans (Stati Uniti) il 28 gennaio 1972, Amy Vivian Coney Barret ha deciso di intraprendere la carriera di avvocato, seguendo le orme del padre che lavorava come legale per la Shell Oil Company.

Un profilo conservatore che Donald Trump sta valutando per la successione di Ruth Ginsburg, la giudice della Corte Suprema scomparsa il 18 settembre 2020.

“E’ un privilegio essere stata chiamata a servire il mio Paese”, sono state le sue prime parole, riferite dall’Ansa, da giudice della Corte Suprema

Marito, figli e vita privata di Amy Coney Barrett

Attualmente Amy Coney Barrett vive a South Bend insieme al masito Jess M. Barrett, ex assistente procuratore degli Stati Uniti e attuale partner di SouthBank Legal nella città dell’Indiana. I due hanno sette figli: cinque sono nati da questa relazione che ormai dura da diversi anni e due adottati ad Haiti..

Vaccino Covid, quando farlo, come prenotarsi e da chi saremo chiamati

TAG:
Amy Coney Barrett Corte Suprema politica Stati Uniti

ultimo aggiornamento: 27-10-2020


Conte, ‘Didattica a distanza una scelta non facile, credetemi…”

Elezioni Usa 1988: George Bush succede a Reagan alla Casa Bianca