Chi è Brenton Tarrant, l’autore della strage in Nuova Zelanda. La sua storia e i suoi modelli, da Luca Traini a Carlo Martello.

Macabro protagonista del 15 marzo 2019, quando ha coordinato gli attentati in due moschee della Nuova Zelanda, Brenton Tarrant è un australiano di ventotto anni.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Chi è Brenton Tarrant

Un bianco ordinario lo hanno definito in un primo momento le autorità e i media della Nuova Zelanda. Poi le immagini che lui stesso ha girato durante l’attentato hanno rivelato indizi rilevanti sulla personalità e sulla formazione culturale di Brenton, che ha anche pubblicato un rapporto di centinaia di pagine sulla sua vita.

Dichiara di provenire da una famiglia a basso reddito ma di aver avuto un’infanzia regolare, senza problemi. “Un bianco normale, proveniente da una famiglia regolare, che ha deciso di prendere posizione per garantire un futuro alla propria gente“, si definisce Brenton Tarrant

Attentato Nuova Zelanda
Fonte foto: https://www.facebook.com/SkyTG24/videos

Dovrebbe essere originario di Grafton e si sarebbe trasferito in Nuova Zelanda per addestrarsi

Si radicalizza nel 2017, in occasione dell’attentato terroristico a Stoccolma. È in quel momento che inizia a pianificare la sua spedizione punitiva.

Chi sono i modelli di Brenton Tarrant

Tra le dediche sulle armi con cui ha aperto il fuoco nella moschea e tra le pagine del suo documento, scopriamo anche quali sono i modelli ai quali si è ispirato.

Conosce il modello Breivik, quello del massacro avvenuto in Norvegia nel 2011. Ha letto gli scritti di Dylann Roof, l’uomo che uccise nove afroamericani in South Carolina.

Tra i suoi modelli c’è anche Luca Traini, l’italiano che nel 2018 sparò alle persone di colore per le vie di Macerata. Tra i nomi scritti sulla sua arma spicca anche quello di Josue Estébanez, un neonazista che nel 2007 uccise l’attivista Carlos Palomino.

Ma la sua è una cultura storica che ha fomentato il suo antisemitismo. Conosce il Doge Sebastiano Venier, l’ammiraglio Marcantonio Colonna e Carlo Martello.

Strage in Nuova Zelanda: attentato alla moschea

Dopo anni passati a pianificare l’attentato in Nuova Zelanda, Brenton Tarrant è entrato in azione il 15 marzo a Christchurch. In un’azione durata circa diciassette minuti, il ventottenne ha fatto irruzione in una moschea aprendo il fuoco contro i fedeli. Il tutto in diretta sui social grazie a una telecamera messa sulla testa.

Strage in Nuova Zelanda, il video dell’attentato alla moschea

Con una inquietante lucidità, il ventottenne ha deciso di riprendere gli attimi del suo blitz in una moschea. Diciassette minuti circa di video in cui l’australiano riprende tutto, dal suo arrivo sul luogo della strage alle uccisioni I social network e le autorità competenti si sono mosse subito per rimuovere i filmati.

https://www.facebook.com/SkyTG24/videos/2287902678137033/

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 15-03-2019


È morta Felicité Tomlinson, sorella del cantante degli One Direction

Ciclone in Mozambico e Zimbawe: è strage