Chi è Clemente Mastella, il sindaco di Benevento e possibile capo dei ‘responsabili’ per un Conte Ter.

ROMA – Clemente Mastella sta preparando il suo ritorno nella politica che conta. Dovrebbe essere lui, secondo le ultime indiscrezioni di stampa, la guida dei responsabili per un Conte Ter in caso di ritiro delle ministre da parte di Italia Viva.

L’ex ministro ha garantito il suo impegno per consentire all’esecutivo di andare avanti ed evitare le urne. Le decisioni saranno prese solo dopo le valutazioni di Matteo Renzi.

Chi è Clemente Mastella, la carriera del politico campano

Nato a Ceppaloni, in provincia di Benevento, il 5 febbraio 1947, Clemente Mastella ha iniziato la sua carriera come giornalista subito dopo la conclusione del percorso universitario.

Il suo ingresso in politica è avvenuto nel 1976 con Democrazia Cristiana. Deputato per otto legislature consecutive prima di venire eletto sindaco della sua città natale. Il ritorno a Roma nel 1994 con il Centro Cristiano Democratico. l’elezione lo ha portato a ricoprire il ruolo di ministro del Lavoro nel Berlusconi 1.

Quattro anni dopo la scissione interna del suo partito e un passaggio all’Udr prima della fondazione dell’UDEUR. La sua esperienza politica è continua con il secondo incarico di sindaco di Ceppaloni e il ministro della Giustizia nel governo guidato da Romano Prodi. Con la crisi di questo esecutivo, l’approdo a Bruxelles con il Popolo delle Libertà prima di intraprendere l’avventura di sindaco di Benevento.

Montecitorio Parlamento
Montecitorio

Il possibile approdo nel Conte Ter

Nel gennaio 2021 Clemente Mastella è ritornato in campo a livello nazionale per un possibile appoggio al Conte Ter. Il sindaco di Benevento si è messo al lavoro per aiutare con alcuni responsabili in caso di un ritiro delle ministre da parte di Matteo Renzi.

Una situazione in continua evoluzione e per questo non si esclude nessuno scenario almeno fino a quando non si hanno delle comunicazioni ufficiali.


Chi è Riccardo Fraccaro

Chi è Hamza Rafia, il talento tunisino della Juventus