Chi è Gianluca Rocchi, la carriera e la vita privata del nuovo designatore degli arbitri di Serie A e B.

ROMA – Conclusa la carriera da arbitro, Gianluca Rocchi è stato nominato nuovo designatore della CAN di Serie A e di B al posto di Nicola Rizzoli. Una esperienza molto importante per l’ex direttore di gara in una stagione che si preannuncia fondamentale dopo le polemiche dello scorso campionato.

Chi è Gianluca Rocchi, la carriera dell’arbitro italiano

Nato a Firenze il 25 agosto 1973, Gianluca Rocchi ha iniziato la sua carriera da arbitro nel 1989. Una esperienza che in un primo momento è stata accompagnata dalla professione di agente di commercio. Con il passare degli anni, però, il direttore di gara ha iniziato la lunga scalata nel mondo degli arbitri italiani.

Nel 2000 l’ingresso nel mondo professionistico con la promozione nell’organico di Serie C. Poco dopo Mauirizio Mattei lo ha portato in Serie B, mentre l’esordio nel massimo campionato è avvenuto nella stagione 2003-2004 in Lecce-Reggina all’ultima giornata.

Una prima esperienza che lo ha portato la stagione successiva a vincere il premio di miglior giovane arbitro debuttante e la sua carriera proprio in quel momento è definitivamente decollata. L’esordio in ambito europeo come fischietto nel settembre 2010. La sua lunga avventura nel mondo professionistico si è conclusa nel settembre 2020 per raggiunti limiti di età. E nel luglio dell’anno successivo è stato nominato designatore della CAN A e B al posto di Nicola Rizzoli.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Gianluca Rocchi
Gianluca Rocchi

La moglie, i figli e la vita privata di Gianluca Rocchi

L’ex arbitro ha sempre lasciato fuori dalla luce dei riflettori la sua vita privata e per questo non si hanno molte informazioni su Rocchi fuori dal campo. L’attuale designatore della CAN A e B è sposato ormai da diversi anni con Paola e la coppia ha un figlio, Samuele nato nel 2008.


Chi è Sergio Alfieri, il chirurgo che ha operato il Papa

Chi era Raffaella Carrà: la carriera, la vita privata e le cause della morte