Un brutto episodio di razzismo ha visto coinvolto James Harden. La stella NBA è stato ricoperto da insulti durante uno spot dell’Adidas.

ROMA – James Harden vittima di razzismo. La stella NBA è stata scelta dall’Adidas per celebrare i 70 anni di innovazione ma i commenti non sono stati gentili nei confronti del Barba.

Diverse le persone che hanno insultato il giocatore di basket. A fare notare la vicenda è stata la pagina Facebook La Giornata Tipo. Commenti razzisti come per esempio “chi ti ha fatto uscire dalla gabbia” o ancora “si trattano bene nei centri di accoglienza” oppure “mi spiegate la strategia di Marketing? Perché il ragazzo è bruttarello“.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

James Harden
James Harden

Frasi e insulti che confermano un clima di terrore che c’è nel nostro Paese. La vicenda è stata denunciata anche da un’altra pagina Facebook, I Sentinelli di Milano: “James Edward Harden è uno dei giocatori più forti al mondo di pallacanestro. L’Adidas lo sceglie come testimonial. E la reazione dei social in Italia è questa“.

Di seguito il post de La Giornata Tipo

Poche ora fa Adidas ha pubblicato un post sulla propria pagina con la foto di James Harden. Il giocatore di Houston è il personaggio di punta dell'azienda. Ecco i commenti:

Pubblicato da La Giornata Tipo su Giovedì 23 maggio 2019

Chi è James Harden

James Edward Harden jr. nasce a Los Angeles il 26 agosto 1989 sotto il segno della Vergine. Il Barba, come è stato soprannominato, è uno dei migliori giocatori di basket della storia americana e non solo.

Una carriera iniziata nel college americano ma Harden si fa conoscere al grande pubblico nel 2009 quando si è trasferito nei Thunder. Tre stagioni con gli OKC che gli hanno permesso di indossare anche la maglia della Nazionale e vincere un oro olimpico nel 2012. Anno in cui ha deciso di lasciare Oklahoma per trasferirsi a Houston. Ormai può essere considerato una bandiera dei Rockets con il suo obiettivo di provare a vincere l’unico titolo che gli manca in carriera: l’anello della NBA. I vari tentativi finora non sono stati fortunati ma James non ha nessuna intenzione di arrendersi.


Chi è Filippo Tortu, la stella dell’atletica azzurra

Giro d’Italia 2019, doppio colpo per Carapaz: tappa e maglia per l’ecuadoregno