Chi è Manolo Portanova, il figlio d’arte che Andrea Pirlo ha fatto esordire in Serie A.

TORINO – Da Gianluca Frabotta a Manolo Portanova. Sono diversi i giovani che Andrea Pirlo ha deciso di far esordire nella sua gestione della Juventus. Dopo il romano, è toccato al figlio d’arte che ha giocato titolare contro il Crotone. Classe 2000 è un duttile centrocampista con il vizio del gol. Un talento destinato a diventare un punto di riferimento per la Nazionale. E non è escluso che lo stesso Mancini lo possa far esordire nei prossimi mesi con l’Italia dei grandi.

Chi è Manolo Portanova, la carriera del centrocampista italiano

Nato a Napoli il 2 giugno 2000 (Gemelli), Manolo Portanova ha iniziato a tirare i primi calci al pallone nelle giovanili della Lazio. Pallone nel sangue per il centrocampista visto che il padre Daniele ha calcato per diversi anni i campi di Serie A.

Il trasferimento alla Juventus nel 2017. Due stagioni in Primavera prima di iniziare la sua avventura con l’Under 23 bianconera. L’esordio in Serie A il 26 maggio 2019 al posto di Emre Can. Nel 2020 ha continuato a giocare con la seconda squadra della Vecchia Signora. L’arrivo di Andrea Pirlo lo ha portato in pianta stabile in prima squadra. E l’esordio è avvenuto con il Crotone. A gennaio il trasferimento al Genoa per completare il proprio percorso di crescita.

Juventus Stadium

Chi è Daniele Portanova, il padre di Manolo

Portanova è cresciuto nel mondo del calcio. Il padre Daniele ha giocato per diversi anni nella massima serie vestendo, tra le altre, le maglie di Bologna, Napoli e Genoa. Manolo cercherà di ricalcare le orme del genitore almeno per quanto riguarda il campionato.

Per il classe 2000 la possibilità di continuare a crescere nei bianconeri, prima di andare a farsi le ossa in prestito. Le richieste non sono mancate nella sessione invernale, ma Pirlo ha preferito tenerlo a Torino per consentirgli di confrontarsi con un campionato sicuramente competitivo.

TAG:
Juventus

ultimo aggiornamento: 10-06-2021


Chi è Maurizio Costanzo

Enrico Berlinguer, l’11 giugno 1984 la morte del segretario del Partito Comunista