Dalla passione per il pianoforte all’impegno in politica, ecco chi è Mark Rutte.

AMSTERDAM (OLANDA) – Nella discussione sul Recovery Fund tra i cosiddetti Paesi frugali c’è anche l’Olanda di Mark Rutte. Un leader molto apprezzato in patria anche se le sue posizioni non sono condivise da molti altri colleghi.

Chi è Mark Rutte, il curriculum del politico olandese

Nato il 14 febbraio 1967 a L’Aia, Mark Rutte terminate gli studi liceali si è avvicinato al mondo della politica nel periodo universitario. Conclusa l’università, il politico ha iniziato la sua avventura da manager prima di entrare nel Parlamento olandese come Segretario di Stato nel 2002. Otto anni di esperienza prima di essere nominato primo ministro.

Una elezione storica visto che in Olanda un liberale non diventava premier dal lontano 1913 quando questo ruolo fu ricoperto da Pieter Cort van der Linden. Da qui un lungo percorso a capo di un Paese molto esigente che ha portato Rutte ad essere nel 2020 il secondo primo ministro più longevo alle spalle di Angela Merkel.

Parlamento Europeo
Parlamento Europeo

Mark Rutte e il Recovery Fund

L’emergenza coronavirus ha portato una piccola frattura tra l’Olanda e il resto d’Europa per la posizione del numero uno di Amsterdam sul Recovery Fund. Un braccio di ferro che rischia di spaccare l’intera Unione con i leader che stanno cercando di trovare una soluzione per evitare la crepa.

La vita privata di Mark Rutte

Nella sua vita privata non c’è solo la politica. Sin da giovane è sempre stato un appassionato di pianoforte tanto da voler fare il Conservatorio. Un pianista mancato il premier olandese che ora nel tempo libero si diverte a suonare lo strumento.

Tra le sue passioni anche con il calcio con il Feyenoord e l’Ado Den Haag che sono le squadre per cui tifa. Attualmente il premier olandese è single ed è membro della Chiesa protestante nei Paesi Bassi.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
Mark Rutte olanda people politica recovery fund

ultimo aggiornamento: 20-07-2020


Se questa è Europa. Più che Casa Comune sembra un grande ring

Tagli al Recovery fund, ora si fanno i conti con il Mes