Andrea Meza è Miss Universo 2021. La modella messicana è la donna più bella del mondo. Ecco chi è.

ROMA – Andrea Meza è Miss Universo 2021. A distanza di due anni (il 2020 la cerimonia è saltata per la pandemia), è stata eletta la nuova donna più bella del mondo. Il titolo è andato alla modella messicana con una laurea in ingegneria del software.

Sono così onorata – il suo primo commento, riportato dal Corriere della Seradi essere stata selezionata tra le altre 73 donne fantastiche […]. Indossare questa fascia per me è un sogno che si avversa e spero di servire il mondo attraverso la mia difesa dell’uguaglianza nei diritti […]. Per me la bellezza è presente anche nello spirito, nei nostri cuori e nel modo in cui ci comportiamo e non solo nel modo in cui si viene guardati […]“.

Chi è Andrea Meza

Una vita trascorsa in Messico per Andrea Meza. Cresciuta a Chihuahua City, la 26enne ha iniziato da giovane la carriera di modella e truccatrice ma non ha mai tralasciato gli studi. La giovane, infatti, è laureata in ingegneria del software. Negli ultimi anni si è impegnata soprattutto nel campo del sociale e nelle prossime settimane si trasferirà a New York “per rappresentare diverse organizzazioni filantropiche durante il suo periodo di elezioni a Miss Universo“, fanno sapere gli organizzatori del concorso.

Miss Universo
fonte foto https://www.facebook.com/MissUniverse

Andrea Meza Miss Universo 2021

Dopo un anno di stop per la pandemia, Miss Universo è ripreso con la vittoria della messicana. La 26enne è riuscita ad avere la meglio su 73 concorrenti e si tratta di un riconoscimento sicuramente importante per lei che da sempre è impegnata nel sociale.

La vittoria le consentirà di continuare il proprio impegno in un settore molto delicato. E non è esclusa una sua discesa in campo pubblica per cercare di sensibilizzare le persone su un tema molto delicato.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/MissUniverse


17 maggio 1972, il commissario Luigi Calabresi viene assassinato

Enzo Tortora, il conduttore tv vittima della malagiustizia