Proviamo a rispondere ad una domanda che circola sulla rete anche con una certa insistenza: chi è positivo al Covid può fare il vaccino?

Con la campagna di vaccinazione che procede a ritmi serrati sia per quanto riguarda la somministrazione delle prime dosi che per quanto riguarda la somministrazione delle dosi booster, c’è una domanda dilagante. Chi è positivo al Covid può fare il vaccino? E soprattutto, cosa succede se una persona riceve il vaccino senza sapere di essere positiva al Covid e con un’infezione in corso?

Green Pass e Super Green Pass, tutte le regole dal 10 gennaio

Il rischio di essere inconsapevolmente positivi (soprattutto dopo due dosi)

Non si tratta di una domanda insensata. Questa nuova fase dell’emergenza sanitaria, come noto, è caratterizzata dalla diffusione della variante Omicron che, soprattutto nei soggetti vaccinati con due dosi, si manifesta con sintomi lievi. Quindi il rischio è quello di andare a ricevere la dose booster di vaccino da positivi… senza neanche saperlo. Da qui le preoccupazioni, che sono anche legittime, sia chiaro. È pericoloso ricevere il vaccino da positivi?

Chi è positivo al Covid può fare il vaccino? È pericoloso?

In effetti navigando sul sito del Ministero della Salute e sul sito dell’Iss non ci sono indicazioni specifiche su questo punto. Mettendo insieme le informazioni e le dichiarazioni raccolte nel corso di questi ultimi mesi però è possibile tracciare un quadro della situazione e rispondere in maniera esaustiva alla nostra domanda di partenza.

Per chi ha i sintomi del Covid confermati da un test è sconsigliata la vaccinazione. In altre parole, chi è positivo e sa di esserlo perché ha fatto il tampone non può fare il vaccino. Ma questo per motivi che vanno oltre la sicurezza personale e i rischi legati alla somministrazione del vaccino. Chi è positivo deve rimanere in isolamento e non può uscire di casa fino alla negativizzazione.

E se sono positivo al Covid senza saperlo? Passiamo così al caso più spinoso, quello delle persone che hanno solo una sintomatologia lieve o sono asintomatiche. Di fatto persone inconsapevolmente positive. Per chi riceve il vaccino da positivo non ci sono rischi particolari e la positività non dovrebbe interferire sulla risposta immunitaria stimolata dal vaccino. Si presuppone che queste persone possano sviluppare effetti collaterali lievi più intensi, quindi possano avvertire un particolare senso di spossatezza o possano manifestare sintomi influenzali. Non si registrano però eventi avversi gravi. Quindi non ci sono dati che possano far pensare a rischi per la persona.

Quindi, riassumendo: se si è consapevolmente positivi si deve rimandare la vaccinazione per tutelare le altre persone e se si è inconsapevolmente positivi non ci sono rischi particolari legati alla somministrazione del vaccino.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire News Mondo su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - NM

coronavirus vaccino coronavirus

ultimo aggiornamento: 13-01-2022


Dieci anni dalla tragedia della Costa Concordia. La ricostruzione, le telefonate e i soccorsi

Auto-sorveglianza Covid, cos’è, cosa significa e cosa bisogna fare