Rafael Toloi è italiano. Il difensore ha ricevuto l’ok della Fifa ed ora può essere convocato da Roberto Mancini.

BERGAMO – Rafael Toloi è italiano. Il difensore dell’Atalanta ha ricevuto l’ok della Fifa a vestire la maglia azzurra dopo la richiesta avanzata dalla Federcalcio. Una notizia molto importante sia per lui che per Roberto Mancini.

La prima convocazione, se non ci saranno particolari sorprese, potrebbe avvenire già in vista delle prossime amichevoli. Un test sicuramente decisivo per Tolori che ora punta ad essere inserito nella lista per Euro 2021.

Chi è Rafael Toloi

Una carriera suddivisa tra Brasile e Italia per Rafael Toloi. Nato il 10 ottobre 1990, il difensore è cresciuto nel Goias, squadra che gli ha permesso di fare il suo esordio tra i professionisti. Quattro stagioni con il club biancoverde e il trasferimento al San Paolo.

L’arrivo in Italia nel 2013 in prestito alla Roma. Una stagione in giallorosso non indimenticabile con sole cinque presenze. Il ritorno al San Paolo per un anno prima di accettare la sfida Atalanta. Con il passare dei campionati il centrale è diventato uno dei punti di riferimento per la Dea e su di lui ha messo gli occhi Roberto Mancini. Da qui la richiesta della Figc accolta dalla Fifa.

Atalanta
fonte foto https://www.facebook.com/atalantabc

Rafael Toloi cittadinanza italiana

Ora sono italiano e punto alla nazionale“, le parole di Toloi dopo l’ok arrivato dalla Figc. Chiare le idee del centrale che ora punta ad essere protagonista anche con la maglia dell’Italia. La prima convocazione potrebbe arrivare già per le partite di marzo.

L’obiettivo principale resta la partecipazione agli Europei, ma a lungo termine il sogno è il Mondiale 2022. Il tempo e le qualità per convincere il c.t. Mancini ci sono. Toloi è chiamato a fare molto bene con la maglia dell’Atalanta per convincere anche l’allenatore azzurro. E le prossime settimane saranno decisive.

Covid, l’aggiornamento del Piano Vaccini

TAG:
calcio news

ultimo aggiornamento: 17-02-2021


Stella Rossa-Milan, Pioli: “La squadra deve sentire la voglia di superare gli ostacoli”

Caos diritti tv, salta l’assemblea. Sky deve pagare i 131 milioni non versati alla Lega dopo il lockdown