Chi era Diana Spencer, per tutti semplicemente Lady Diana: la biografia, il matrimonio, i figli e la tragica morte.

Principessa di tutti, Diana Spencer, per tutti semplicemente Lady Diana, è stata una donna rivoluzionaria, che ha spinto la Famiglia Reale a confrontarsi con la vita reale, quella fuori dal Palazzo. Sarebbe rimasta vittima della pressione del suo ruolo, del retaggio dell’alta società, dei doveri.

Chi era Diana Spencer: la biografia

Nata il 1 luglio 1961 a Sandringham e figlia del Visconte Althorp, Diana cresce in una delle famiglie più prestigiose. Gli Spencer erano da anni vicini alla Famiglia Reale. Le cronache raccontano che i genitori volevano un maschio e per questo motivo inizialmente non le fu dato un nome.

La famiglia Spencer visse un dramma che avrebbe stravolto gli equilibri e minato le fondamenta della famiglia. La morte di John a sole dieci ore di distanza dalla nascita. Lady Althorp ebbe una sorta di tracollo e venne mandati in una clinica. La crisi avrebbe portato alla separazione dei coniugi quando Diana aveva appena sette anni. La madre della piccola decise di vivere la sua vita con Peter Shand Kydd, che di fatto è stato il suo amante fino alla separazione con il marito.

Dopo aver vissuto per un periodo con la madre, Diana venne affidata al padre. I suoi studi la portano a viaggiare e soprattutto si forma come donna: coltiva la passione per lo sport, quella per la musica e soprattutto quella per i bambini. Proprio con i bambini avrebbe iniziato a lavorare, prima come bambinaia e poi come assistente in un asilo.

Il matrimonio con Carlo

La svolta nella vita di Diana Spencer arriva nel 1977, quando conobbe Carlo, erede al trono, durante una battuta di caccia. In realtà sin dall’inizio la relazione sarebbe stata tutt’altro che lineare. La frequentazione sarebbe durata, in maniera non assidua, per anni e sempre seguendo i rigidi protocolli della Corona. Quando la relazione prese piede, Diana dovette fare i conti con l’incubo dei giornalisti. Visse assediata da paparazzi e cronisti, che volevano sapere tutto su di lei. Il 6 febbraio 1981 Carlo chiese a Diana di sposarlo. Da quel giorno iniziò la seconda vita di Diana. Il matrimonio si celebrò il 29 luglio del 1981, dopo che Diana ebbe l’occasione di prendere parte a qualche evento ufficiale comprendendo che la vita a Palazzo sarebbe stata difficile. Tremendamente difficile.

I figli di Lady Diana

Diana e Carlo annunciarono di essere in attesa del primo figlio nel novembre del 1981. Due mesi dopo la principessa cadde da una scalinata. Il feto non avrebbe riportato danni. Su questa caduta restano ancora diversi dubbi. In un primo momento si parlò di caduta accidentale, poi di un tentativo di attirare le attenzioni di Carlo. Il 21 giugno nasce William Arthur Philip Louis, primo figlio di Diana e Carlo. Il parto sarebbe passato alla storia. William nacque al St Mary’s Hospital. In un’area riservata, ovviamente. Ma si tratta del primo reale nato in un ospedale pubblico. Due anni dopo la nascita di William nacque Harry Charles Albert David.

Come madre e come moglie, Lady D fu rivoluzionaria. Spesso si discostò dal cerimoniale e dalle regole non scritte (e da quelle scritte) della Famiglia Reale. A Palazzo era guardata con attenzione e forse un po’ di timore, dalla gente era amata. Divenne il volto sociale della Corona. Vicina agli ultimi, sempre sul campo, pronta a sporcarsi le mani, nel vero senso della parola.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Lady Diana
Lady Diana

La separazione

Negli anni Novanta arriva la separazione. I problemi divennero insormontabili dalla fine degli anni Ottanta. La relazione di Diana con il suo istruttore di equitazione, il ritorno di fiamma tra Carlo e Camilla Parker-Bowles, con il rapporto che divenne pubblico ad inizi anni Novanta dopo la pubblicazione del libro Diana, La sua vera storia, di Andrew Morton. Dalle pagine del libro emerge il lato oscuro della vita di Diana. Il suo sconforto, i tentativi di suicidio. Si arriva al dicembre del ’92 e all’annuncio alla Camera dei comuni della separazione, alla quale seguì il divorzio, richiesto dalla Regina, ufficializzato nel ’96.

La vita privata di Lady D dopo il divorzio

Dopo il divorzio Diana ebbe una relazione con Hasnat Khan. La relazione sarebbe durata due anni. Poi la storia con Dodi Al-Fayed.

La morte di Diana Spencer

Il 30 agosto 1997 Diana e Dodi lasciano l’Hotel Ritz di Parigi e si dirigono verso l’abitazione di Dodi a bordo della Mercedes guidata dall’autista Henri Paul. La vettura imbocca la galleria de l’Alma seguita da fotografi e paparazzi. L’auto si schianta contro il tredicesimo pilastro della galleria. Dodi e l’autista morirono sul colpo, la guardia del corpo di Dodi sopravvisse. Lady Diana venne estratta ancora viva dalla macchina. Morì in ospedale nella notte tra il 30 e il 31 agosto. Intorno alle 4 del mattino del 31 agosto 1997. A distanza di anni la dinamica dell’incidente resta un mistero. C’è ancora chi parla di un complotto, di un’azione dei servizi segreti, incaricati eliminare la mina vagante, come era stata ribattezzata per la sua azione anticonformista che in qualche modo minava la solidità della Corona.


Covid, quarta ondata prima dell’autunno. Oms: Casi in aumento

Mediaset, presentato il palinsesto: Toffanin al posto di Barbara D’Urso la domenica. C’è Tiki Taka