Luciano Gaucci è morto. L’ex presidente del Perugia si è spento all’età di 81 anni a Santo Domingo. La biografia e la vita privata.

ROMA – Luciano Gaucci è morto. L’ex presidente del Perugia si è spento all’età di 81 anni nella sua residenza di Santo Domingo, luogo dove aveva deciso di trascorrere la vita dopo il ritiro dalle attività imprenditoriali.

Chi era Luciano Gaucci

Nato a Roma il 28 dicembre 1938, Luciano Gaucci è stato un imprenditore molto importante italiano. La sua attività è iniziata nella Capitale quando ha fondato e posseduto due aziende (una di pulizie e una di abbigliamento) più una scuderia ippica che gli ha permesso di vincere 3 miliardi di lire con il cavallo Tony Bin.

L’ingresso nel mondo del calcio è avvenuto nei primi anni del 1990 quando ha deciso di acquistare il Perugia. Una carriera, questa, ricca di ottimi risultati ma anche di controversie con la giustizia viste le indagini per il fallimento della stessa società umbra. E’ stato proprietario anche di Viterbese e Sambenedettese. Proprio con la società laziale ha scritto una pagina di storia visto che ha chiamato ad allenare in panchina Carolina Morace, diventando il primo ed unico presidente ad affidare la squadra ad una allenatrice. Inoltre, era molto bravo ad acquistare giocatori nelle serie minori per poi rivenderli a peso d’oro.

Luciano Gaucci
Luciano Gaucci con Ravanelli (fonte foto https://it.wikipedia.org/)

Luciano Gaucci morto

La morte di Luciano Gaucci è avvenuta il 1° febbraio 2020. L’ex presidente del Perugia dal 2005 si è trasferito in Repubblica Dominicana per non scontare la condanna per bancarotta fraudolenta. Il rientro in Italia è avvenuto quattro anni dopo quando la pena è stata indultata.

Gli ultimi anni sua vita li ha trascorsi a Santo Domingo. Il decesso è avvenuto proprio lì con la famiglia che nelle prossime ore deciderà se riportare la salma in Italia o lasciarli lì, dove Gaucci aveva deciso di trasferirsi al termine della sua attività imprenditoriale.

TAG:
calcio news

ultimo aggiornamento: 01-02-2020


Prescrizione, i penalisti chiedono la revisione della riforma. Bonafede si difende: “Non sono un manettaro”

Migranti, partenze record dalla Libia. Open Arms sbarca a Pozzallo