Chi era Suor Maria Laura Mainetti, religiosa assassinata durante un rito satanico da tre ragazze il 6 giugno 2000.

ROMA – Suor Maria Laura Mainetti è beata. A distanza di 21 anni dal suo omicidio, si è concluso il lungo processo di beatificazione aperto nel 2005. Il riconoscimento del martirio è avvenuto il 6 giugno 2021 durante la celebrazione a Chiavenna presieduta dal cardinale Marcello Semeraro.

Chi era Suor Maria Laura Mainetti

Nata a Colico il 20 agosto 1930, Teresina Elsa Mainetti è rimasta orfana di madre pochi giorno la nascita. La decisione di intraprendere il percorso religioso è avvenuta dopo le parole “devi fare qualcosa di bello per gli altri” dette da un sacerdote durante una confessione.

Frase che hanno portato la ragazza ad iniziare il postulato presso le Figlie della Croce di Roma e dopo i primi voti la scelta di Maria Laura come nome in questa nuova vita. Concluso il percorso con i voti perpetui, la suora ha iniziato l’opera di educatrice in diverse scuole elementari. L’ultimo incarico a Chiavenna.

L’omicidio

L’omicidio di suor Maria Laura ha sconvolto non solo l’intera comunità di Chiavenna ma l’intera Italia. Nella serata del 6 giugno 2020 la religiosa è uscita dal convento dopo la chiamata di una ragazza nella quale le aveva detto di essere rimasta incinta dopo uno stupro. In realtà si trattava di una trappola per attirare la suora in un posto isolato e offrirla a Satana. Secondo la confessione delle tre ragazze, la suora durante l’aggressione ha chiesto a Dio di perdonare le autrici di questo omicidio che ha scosso l’intero Paese..

Vaticano
Vaticano

Suor Maria Laura Mainetti beata

Il processo di beatificazione della suora è iniziato nel 2005 e si è concluso a 21 anni dall’omicidio proprio a Chiavenna con la cerimonia presieduta dal cardinale Marcello Semeraro. E Papa Francesco nell’Angelus del 6 giugno ha voluto ricordare la religiosa morta durante un rito satanico nel 2000.


Raid dei militari in un villaggio, 20 i morti

Attentato in Afghanistan, bomba contro bus: diversi morti