Chievo-Milan, Di Bello promosso a pieni voti: i cartellini gialli a Borini e Hetemaij indirizzano la gara, Suso fa il resto…

Partita sulla carta tutt’altro che facile per il povero Di Bello, costretto a fare i conti con un Montella in crisi e critico nei confronti della VAR dopo l’espulsione di Leonardo Bonucci in Milan-Genoa. Certo, poi il tecnico rossonero ha fatto marcia indietro nei giorni successivi alla sfida con il Grifone, ma intanto nell’immediato post gara ha sottolineato come gli errori arbitrali possano condizionare una carriera. Nello specifico la sua.

Chievo-Milan, la moviola: bene Di Bello con i gialli in apertura, il resto è ordinaria amministrazione

Il campo ha poi regalato alla squadra arbitrale una partita tranquilla, con il Milan bravo a palleggiare e a mantenere il possesso del pallone e il Chievo meno fisico e aggressivo del solito. Giusti i cartellini gialli mostrati in a apertura a Fabio Borini e a Hetemaj, tanto per non far salire di giri una garache, fosse rimasta sullo zero a zero più a lungo, sarebbe stata probabilmente più nervosa. E invece ci ha pensato Suso a fare contenti tutti. O quasi…

TAG:
milan

ultimo aggiornamento: 26-10-2017


Milan, l’albero di Natale sembra funzionare. Ora il test contro la Juventus

Vincenzo Montella, basta il Chievo per scacciare gli spettri dell’esonero?