Chiev Verona-Inter, Spalletti: “Ci è mancata cattiveria”

Ecco le dichiarazioni di Luciano Spalletti nel post partita di Chievo Verona-Inter ai microfoni di Sky: “Ci hanno sorpreso”

L’allenatore dell’Inter Luciano Spalletti al termine del match pareggiato dalla sua squadra contro il Chievo Verona per 1 a 1 e valido per la sedicesima giornata della Serie A 2018/2019, ha raccontato le sue impressioni sul match del ‘Bentegodi’ ai microfoni di Sky.

“E’ successo come nelle ultime partite giocate col Chievo. Loro sanno usare gli attaccanti nei ribaltamenti di azione, noi ci siamo fatti trovare sorpresi. Sulla spizzata siamo rimasti a guardare e ci hanno presi in infilata. Chiaro che bisogna lavorarci meglio su queste cose, abbiamo avuto diverse occasioni per chiudere il match e non ci siamo riusciti. Alla fine si è creato questo buco che Pellissier è stato bravissimo a sfruttare”.

“Sotto l’aspetto caratteriale non si riesce ad essere cattivi ed esecutivi per quello che dovrebbe essere l’atteggiamento. Ma abbiamo qualità e quando c’è il vantaggio di usarla dobbiamo prenderlo e portarlo a casa”.

“Quello lo fa il carattere, il saper valutare il tipo di pallone. Noi ogni tanto facciamo delle scelte che sono un po’ il contrario di quello che vuole lo scorrimento dell’azione”.

“Ogni tanto si chiede a tutti di dare supporto al momento o all’episodio. In un’azione molti giocatori si sono buttati nell’azione attaccando l’area, lui è venuto incontro per prenderla sui piedi e ha riconquistato un pallone importante. Ma altre occasioni ci sono capitate, quando siamo tre contro due in area bisogna concludere”.

“Abbiamo fatto una buona partita, è stata ordinata tatticamente nel primo tempo. Loro sanno giocare la palla in mezzo, ma abbiamo trovato lo sfogo centrale per far male. Non abbiamo concluso, abbiamo inserito Lautaro allo scopo di chiudere la partita. Loro prendevano la palla e la buttavano sulla linea difensiva, in quel momento si deve pulire la respinta di testa se no rimane campo aperto. Con questi ribaltoni è facile andare sul 2-0, ma bisogna stare attenti a quanto è successo sul pari. Ci siamo fatti prendere in mezzo…”.

“No, assolutamente. Abbiamo una squadra buona, gli avanzi degli altri poi non arrivano a migliorarla”.

ultimo aggiornamento: 22-12-2018

X