L’Università di Chengdu, in Cina, sta sviluppando un treno capace di viaggiare fino a 800 km/h, coprendo la distanza tra Shanghai e Pechino in meno di tre ore.

PECHINO – Un treno capace di raggiungere la velocità di 800 km/h! E’ il progetto a cui sta lavorando la Southwest Jiatong University di Chengdu, in Cina. Se confermato, il risultato frantumerebbe il record dello Shanghai Transrapid, treno a levitazione magnetica che collega la metropoli cinese con il suo aeroporto internazionale, attualmente capace di arrivare a 431 km/h.

Cina, treno a levitazione magnetica

Questi treni si chiamano MagLev da Magnetic Levitation, ossia il principio fisico che sfruttano per sfrecciare a velocità da aeroplano. Nel caso in questione, il progetto di Chengdu è stato sviluppato assieme a China Railway Group e Crcc. Questo vero e proprio missile su binari garantirebbe di coprire la distanza tra Shanghai e Pechino (1.200 chilometri) in meno di tre ore, scali compresi. In pratica, un tempo concorrenziale con gli aerei. Dall’Università promettono che il treno progettato è già in grado di sfrecciare a 620 km/h, una velocità nettamente superiore a quella del Tokyo-Nagaya da 500 km/h, previsto per il 2027.

https://www.youtube.com/watch?v=XPn3cj4KZ1k&ab_channel=Voglio10Geografia

Trasporto leggero e economico

Come riporta il Corriere della Sera il MagLev progettato a Chengdu punta su due fattori per sfidare e battere la concorrenza: da un lato il peso contenuto, assicurato da una cellula in fibra di carbonio; dall’altro la sostituzione dell’elio liquido con l’azoto liquido nel ruolo di superconduttore che permette quasi di annullare la resistenza dei binari.
L’elio liquido costa molto – ha spiegato Deng Zigang, uno dei ricercatori che sta lavorando al progetto, al South China Morning Post – ma noi riusciamo ad ottenere la superconduttività a una temperatura leggermente superiore utilizzando azoto liquido, permettendoci di ridurre il costo a un cinquantesimo“.


Japan Airlines paga la cure in caso di contagio da Covid-19

Ferrari, premio di competitività ai dipendenti