Martin Luther King: il cinquantesimo anniversario della morte

5 paesi low cost dove rifarsi una vita

Cinquant’anni dalla morte di Martin Luther King, il ‘profeta della non violenza’ che ha scritto pagine indelebili della storia dell’America.

04/04/2018 – Data destinata a rimanere nella storia, data del cinquantesimo anniversario della morte di Martin Luther King, leader del movimento non violento per la liberazione della popolazione afroamericana.

L’uomo fu ucciso a Memphis, dove si trovava per sostenere uno sciopero indetto dai lavoratori di colore. Era il 4 aprile del 1968, il profeta della non violenza aveva appena trentanove anni e aveva ancora un sogno da coronare, un sogno fatto di uguaglianza e fratellanza. Il sogno di un mondo migliore o almeno di un’America migliore.

Martin Luther King: biogafia

Nato il 15 gennaio 1929 ad Atlanta, Martin era figlio di un predicatore della chiesa battista e di una maestra. Brilla negli studi e vince un dottorato a Boston, dove conosce Coretta Scott, moglie di Martin Luther King dal 1953.

Dalla metà degli anni ’50 inizia il suo impegno nella lotta per i diritti ai cittadini di colore. Chiede il diritto di voto e la parità nei diritti civili e sociali in una nazione regolata da leggi discriminatorie e razziste.

assicurazione sanitaria usa prezzo

 

Nel 1957 fonda la “Southern Christian Leadership Conference, un movimento fondato sui concetti della non-violenza e della resistenza passiva. Il movimento arriverà a marciare a Washington il 28 agosto 1963, giorno in cui la Storia accoglierà per sempre Martin Luther King: I have a dream, dirà in quell’occasione Martin, una frase ancora viva e destinata a rimanere immortale.

Nel 1964 riceve ad Oslo il premio Nobel per la pace, poi nel ’66 si trasferisce a Chicago. Sono gli anni della guerra in Vietnam, cui si dichiarerà fermamente contrario.

Questo il video del discorso di Martin Luther King a Washington:

Ricevi le ultime notizie in Real Time, lascia la tua email qui sotto:

Privacy Policy
Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 04-04-2018

Nicolò Olia