Partendo da Napoli, un itinerario di cinque luoghi da visitare in Campania durante i mesi primaverili, tra perle di storia e il trionfo della natura

Meraviglie archeologiche e paesaggi incantevoli, la Campania si lascia ammirare in ogni periodo dell’anno, ma è forse la primavera il momento più indicato per godere delle innumerevoli amenità di una terra ricca di ogni bene. Dagli itinerari culturali e storici di Napoli e Pompei, alle dolcezze naturalistiche della Costiera amalfitana, ecco cinque luoghi da visitare in Campania durante la primavera.

Cinque luoghi da visitare in Campania: Napoli

Una visita in Campania dovrà sempre, obbligatoriamente, partire dal capoluogo. Napoli, città unica al mondo per tradizione e costumi, contraddittoria e pittoresca come pochi altri luoghi in Europa, ha da offrire sempre spunti d’interesse per una tappa rapida (o meno). Ad esempio, si potrà ammirare a Piazza Municipio il Maschio Angioino, fortezza medievale e rinascimentale assurto in molte occasioni a vero e proprio simbolo della città, nonché sede del museo civico. Ma anche un salto nel complesso museale di Santa Chiara è più che consigiliabile: situato in pieno centro, offre tra le altre cose il celebre Chiostro Maiolicato, il Museo Archeologico e il Presepe artistico di epoca settecentesca.

Cinque luoghi da visitare in Campania: Pompei

La primavera è forse il periodo dell’anno più indicato per godere dell’esperienza unica offerta dagli Scavi di Pompei, uno dei siti archeologici più famosi al mondo. I resti della città romana distrutta dall’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. hanno poco bisogno di presentazioni. Vanno semplicemente ammirati e, in un certo senso, vissuti, per potersi ritrovare d’un tratto catapultati in un’altra epoca, in un altro mondo, così lontano e affascinante. Esperienza da brividi.

Cinque luoghi da visitare in Campania: il Sentiero degli Dei

Per gli appassionati di escursionismo, sarà d’obbligo una passeggiata lungo il Sentiero degli Dei. Snodandosi sui Monti Lattari tra la Costiera Amalfitana e quella Sorrentina, questo percorso permette di vivere un’esperienza naturalistica senza pari, e soprattutto di poter godere di paesaggi unici, con vista sul Golfo di Napoli, Capri e le meraviglie dei comuni affacciati sul Golfo di Salerno.

Cinque luoghi da visitare in Campania: Villa Cimbrone, Ravello

Altra perla della Costiera Amalfitana è Villa Cimbrone, a Ravello. Costruito su un promontorio, tale edificio storico è circondato da un parco di discrete dimensioni, nel quale è possibile ammirare statue, fontane, grotte e meraviglie di ogni genere. Ciò che rende però unico questo luogo è la cosiddetta “Terrazza dell’infinito”, un belvedere affacciato sul golfo di Salerno che offre una vista straordinaria, emozionante, un panorama capace di mozzare il fiato fino alla commozione.

Cinque luoghi da visitare in Campania: Amalfi e il Duomo

La Costiera Amalfitana offre perle per tutte le stagioni. Il periodo più consigliabile per fare tappa ad Amalfi è però senza dubbio la primavera, con le sue giornate calde ma non asfissianti che rendono possibile godere delle tante bellezze del luogo (anche culinarie) senza la calca dei mesi estivi, quando orde di turisti provenienti da tutto il mondo rendono vivacissimo questo territorio piuttosto isolato, limitandone però la vivibilità. Nel centro cittadino di Amalfi, paese più grande della costiera cui, non a caso, dà il nome, è possibile visitare diversi luoghi di interesse storico-culturale, visto anche l’illustre passato della città, prima tra le repubbliche marinare del medioevo. Il vero simbolo del comune è però il Duomo di Sant’Andrea Apostolo, dedicato al santo protettore della città, raro esempio dello stile arabo-siciliano nella regione. Da non perdere.

ultimo aggiornamento: 23-01-2017


I cinque pub migliori di Roma, dalla tradizione Irish alla musica dal vivo

I cinque aperitivi migliori di Vienna tra sacher, strudel, vino e caffè