Il borgo antico di Campobasso è tra i più belli del nostro Paese e nasconde alcuni tesori che meritano di essere ammirati

Sovrastata dal Castello Monforte e impreziosita da un centro storico unico nel suo genere, fatto di caratteristici vicoli, incantevoli viuzze e lunghe scalinate, Campobasso è una città dal fascino senza tempo. Il borgo medievale, con le sue torri, gli edifici in pietra e i portali ricchi di decorazioni, antichi stemmi nobiliari e figure allegoriche, è tra i più belli d’Italia. Ma il celebre capoluogo del Molise, oltre ai tesori in vetrina, “nasconde” altre meraviglie che meritano di essere menzionate.

Cinque luoghi nascosti di Campobasso

Nel sottosuolo del borgo antico “sopravvivono” degli antichi ipogei scavati dall’uomo, che nel corso dei secoli hanno subito diverse destinazioni. Durante la seconda guerra mondiale, ad esempio, furono utilizzati come rifugi antiaerei, mentre negli anni 60 furono adibiti a discoteche.

La Chiesa di San Giorgio e il suo cimitero

La chiesa di San Giorgio, dedicata al santo patrono della città molisana, è la più antica di Campobasso. Sorge sulle rovine di un tempio pagano, in un luogo suggestivo e panoramico, e ha una caratteristica ben precisa: un piccolo cimitero annesso che per anni ha accolto i defunti che si occupavano della parrocchia.

San Bartolomeo, chiesa romanica… ma non troppo

Da un edificio di culto all’altro: la chiesa di San Bartolomeo rispecchia (quasi) totalmente i canoni dell’arte romanica. Quasi, dicevamo… I più attenti osservatori, infatti, noteranno la presenza di due portali gotici e di altri elementi appartenenti a differenti epoche.

La leggenda della Torre Terzano

A pochi passi dalla succitata chiesa, nella parte più alta del borgo di Campobasso, si trova la Torre Terzano, celebre da queste parti per una particolare quanto tragica leggenda: la storia d’amore tra due giovani appartenenti a famiglie rivali, finita – manco a dirlo! – nel peggiore dei modi.

L’arte del presepe nel Museo Colitti

Se amate il Natale e le tradizioni legate a questa precisa festività, il Museo internazionale del presepio in miniatura Guido Colitti è quello che fa per voi. Ospitato all’interno di Villa Colitti, nel cuore di Campobasso, il sito espone circa 400 presepi artigianali in miniatura, alcuni provenienti da Messico, Giappone e Australia.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
Campobasso chiesa Molise museo Tempio

ultimo aggiornamento: 07-04-2017


I cinque pub migliori di Madrid, dall’Irlanda alla vera Spagna

Dieci cose da fare nel Lazio in autunno, tra fraschette e necropoli