Fase 2, Colao: “Circa venti obiettivi con un centinaio di proposte concrete per il rilancio del Paese”.

Intervenuto ai microfoni de la Repubblica, Vittorio Colao ha parlato della fase 2 e dei piani elaborati per la ripresa del Paese dopo l’emergenza coronavirus.

Green Pass e Super Green Pass, tutte le regole dal 10 gennaio

Fase 2, Colao: “Entro i primi di giugno consegneremo al governo il nostro lavoro per il piano di rilancio dell’Italia”

Entro i primi di giugno, consegneremo al governo il nostro lavoro per il piano di rilancio dell’Italia da qui al 2022. Circa venti obiettivi con un centinaio di proposte concrete“, ha dichiarato Vittorio Colao parlando del lavoro della sua task force, finita nel mirino delle Opposizioni che hanno attaccato il premier Conte per aver istituito il team.

Vittorio Colao
Vittorio Colao

Le sfide per l’Italia: “Nel breve termine bisogna investire per ripartire e mantenere la coesione sociale”

Parlando del presente, Colao ha spiegato che nell’immediato lo scopo è quello di trasformare il rilancio economico e sociale in un’occasione per “disegnare il futuro“.

“Adesso si tratta di far ripartire il Paese, trasformando il rilancio economico e sociale in un’occasione per disegnare il futuro e tenendo a mente una cosa fondamentale. I costi inevitabili e altissimi che dovremo affrontare per questa crisi possono, anzi debbono, essere trasformati in investimenti”.

Nel breve termine bisogna investire per ripartire e mantenere la coesione sociale; nel più lungo periodo gli investimenti devono servire a disegnare un’Italia più efficiente e migliore per le nuove generazioni, per quelli che avranno venticinque o trent’anni a metà di questo decennio e che oggi si trovano ad affrontare una situazione particolarmente difficile”, ha ribadito Colao.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire News Mondo su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 28-05-2020


Istat, nel primo trimestre 2020 il PIL ha subito una contrazione di entità eccezionale

Nissan annuncia perdite per 6,2 miliardi di dollari