Come estinguere un prestito, aspetti da conoscere

Prestito e la sua estinzione. Cosa apprendere sulla materia e quali i casi contemplati dalla Norma.

Estinzione prestito

Estinguere un prestito non è una cosa che risulta complessa, vanno però visti i casi nei quali fare ciò è possibile.
Una persona può scegliere di estinguere anticipatamente un prestito in ordine di due differenti ragioni:

  • Liquidità ottenuta per altro mezzo
  • Sostituzione del finanziamento

Nel primo caso è possibile che al momento del finanziamento, la persona non avesse a disposizione il denaro necessario ad effettuare acquisti o da investire e che successivamente tale denaro entri nel portafoglio di colui che in precedenza aveva richiesto un finanziamento.
Nel secondo caso invece, la persona trova un prestito più vantaggioso dal punto di vista gestionale e non solo, e quindi chiede la sostituzione del primo prestito erogato e ottenuto.

Estinzione anticipata di un prestito

Va detto che in entrambi i casi evidenziati, l’elemento dal quale non si può prescindere per la richiesta di estinzione/sostituzione è la liquidità a disposizione di chi intende estinguere il finanziamento in corso.
In sostanza occorre pagare il debito rimanente, per conoscere la somma restante occorre prendere visione del prospetto relativo al finanziamento dove al termine di ogni rata viene indicato lo stato del finanziamento.
La somma rimanente dipende dal numero di rate pagate in precedenza, va anche calcolato un ulteriore fattore. Generalmente le prime rate in Italia sono appesantite attraverso una somma piuttosto cospicua di interessi passivi e che va a diminuire ad ogni rata, quindi più si è pagato più il finanziamento al momento della sua estinzione avrà cifre rimanenti esigue e meno gravose da ripianare.
Un esempio lo si ritrova nel caso di debiti residui che non superano i 10 mila euro e per i quali non viene commutata nessun tipo di penale, se, all’opposto, il debito restante supera la somma di 10 mila euro e alla scadenza del rapporto contrattuale manca un tempo superiore ad un anno, l’istituto di credito o la società’ finanziaria può’ commutare una penale non superiore all’1% del capitale residuo.

certificato_unicasim

ultimo aggiornamento: 08-06-2017

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X