Se si vive in affitto in un appartamento, al momento in cui se ne prende possesso viene stipulato un contratto in cui vengono riportate tutte le clausole del rapporto tra locatore e locatario. Ecco dunque come procedere nel caso in cui si voglia rescindere un contratto d’affitto

Il contratto d’affitto è un contratto con valore legale, quindi chi lo sottoscrive è tenuto a rispettare quanto viene riportato al suo interno.

In genere però in un contratto sono riportate anche delle casistiche che rendono possibile rescinderlo in modo anticipato rispetto a quella che sarebbe la sua naturale conclusione. Questo può essere fatto tanto dall’affittuario che dall’inquilino.

Caso per caso quindi si deve fare riferimento al contratto che si è redatto: in linea di massima, c’è un preavviso da dare, che può essere comunicato verbalmente o tramite raccomandata, per evitare di pagare penali. Nel caso in cui il preavviso non sia rispettato, o si rescinda dal contratto entro un tempo troppo breve dalla sua stipula, l’inquilino potrebbe dover pagare una multa, ad esempio attraverso la trattenuta dell’anticipo versato.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
affitto contratto recedere

ultimo aggiornamento: 23-08-2014


Come configurare Poste Mobile sul cellulare

Come calcolare i millesimi di un box