Come sarà la Maturità 2021. Il Miur ha definito le ordinanze per gli esami di quinto superiore e di terza media.

ROMA – Come sarà la Maturità 2021. Il Miur ha definito le ordinanze per gli esami di quinto superiore e di terza media. I documenti, come precisato in una nota, saranno inviati nei prossimi giorni al Consiglio superiore della pubblica istruzione prima della loro emanazione.

Gli studenti dovranno sostenere una sola prova orale partendo da un elaborato multimediale. Bocciata, quindi, la tesina dello scorso anno.

La Maturità 2021

L’esame di maturità è sempre molto atteso dagli studenti. La pandemia ha portato evidenti cambiamenti per quanto riguarda lo svolgimento dell’esame per evitare assembramenti e rispettare le norme anti-Covid.

Come successo nel 2020, anche in questo 2021 gli studenti saranno chiamati ad affrontare una sola prova orale che partirà da un elaborato multimediale, assegnato dai consigli di classe sulla base del percorso svolto dai singoli alunni. La data scelta per l’inizio degli esami è quella del 16 giugno.

Maturità Coronavirus

In classe fino al 30 giugno

L’altra grande novità dell’anno scolastico potrebbe essere la durata dell’anno scolastico. Il ministro Bianchi, infatti, ha aperto alla possibilità di prolungare le lezioni fino al 30 giugno per consentire a tutti gli studenti di recuperare i giorni persi per la pandemia.

Il confronto con i sindacati sono in corso e le decisioni saranno prese solamente nelle prossime settimane.

A settembre tutti in classe

Dovrebbe essere l’ultimo esame di maturità con le restrizioni anti-Covid. Il ministro Bianchi, infatti, si è imposto di far tornare tutti gli alunni in classe da settembre. Un obiettivo condiviso anche dal premier Draghi e, per questo, nelle prossime settimane si cercherà di accelerare con le vaccinazioni di tutto il personale scolastico. Solo in questo modo si potrà guardare con maggiore fiducia ad una possibile ripartenza della scuola nel nuovo anno.


I colori delle regioni dal 21 febbraio

Ex Ilva, resta lo stop agli impianti. Il Consiglio di Stato respinge il ricorso di ArcelorMittal