Avete un lavoro e volete sapere come si calcola lo stipendio netto partendo da quello lordo? Qui ve lo spieghiamo

Calcolare lo stipendio netto, naturalmente partendo da quello lordo, non è un problema molto semplice da risolvere dato che sono molte le variabili che incidono sull’importo finale in busta paga. Un altro fattore di difficoltà è anche il fatto che molti non hanno come unica fonte di reddito lo stipendio e, quindi, le tasse potrebbero essere diverse da quelle trattenute in busta paga.

QUALI SONI LE IMPOSTE CHE INCIDONO SULLO STIPENDIO NETTO?

I fattori che incidono in maniera decisa sull’ammontare dello stipendio, come dicevamo, sono molti e sarebbe necessario conoscerli per poter fare un calcolo preciso dello stipendio netto. Uno di questi è l’ailquota IRPEF, un imposta progressiva che va a colpire tutti i lavoratori, che siano dipendenti o autonomi, così come la trattenuta sulla cassa pensionistica di appartenenza e le aliquote regionaliprovincialicomunali. Gli autonomi e i professionisti a questi fattori devono aggiungere anche tutte le spese deducibili, scaricabili tramite la partita IVA.

COME SI CALCOLA?

Esiste però un metodo veloce per calcolare lo stipendio netto. Questo, però, è molto approssimativo essendo necessario sottrarre al lordo tra il 25% e il 40%, ovvero, l’espressione delle ritenute di legge a carico del lavoratore. Naturalmente, però, va considerato che molte imposte sono progressive e che, quindi, sarà necessario stimare una percentuale correlata all’importo totale dei compensi annuali.

ESISTE UN MODO PRECISO DI CALCOLO?

Per calcolare in maniera precisa lo stipendio netto dal lordo, nel caso in cui si sia dei lavoratori dipendenti, sarà necessario togliere dallo stipendio lordo annuo la quota INPS, ovvero il 9,19%, e la quota IRPEF, variabile come detto precedentemente in quanto imposta proporzionale. Il totale che uscirà fuori dovrà essere sommato alla somma delle detrazioni annuali e delle imposte locali.

PER TUTTI GLI ALTRI TIPI DI LAVORATORE COME FUNZIONA?

Per i collaboratori occasioni sarà, invece, necessario togliere il 20% dalla cifra lorda che è stata comunicato, ottenendo così lo stipendio netto. Invece per chi è un lavoratore a progetto, per calcolare lo stipendio netto, basterà togliere la quota IRPEF e la quota INPS per un terzo del suo valore.

certificato_unicasim


Fiat, duro scontro tra Berlino e Roma sulle emissioni

Sisma bonus – Edilizia 2017 i Bonus