Obbligazioni la loro emissione ed il loro successivo collocamento. Cosa conoscere e sapere sul tema.

Obbligazioni ed Emissione

L’emissione delle obbligazioni è per le società bancarie un operazione di raccolta dei mezzi finanziari che abbiano un vincolo di credito nel pubblico e impiega quella peculiare forma di raccolta del risparmio che è fornita da titoli di credito di massa.
Le normative sull’emissione dei titoli obbligazionari bancari risalgono alla l.b. 1936-38, quindi si comprende che tali strumenti sono diventati una costante ma che la normativa che li regola andrebbe probabilmente rivista.
Il legislatore utilizza tale espressione:
è soggetta ad autorizzazione ogni emissione […] di obbligazioni […]
E quindi va ad evidenziare come la legge bancaria aveva necessità di regolare ogni forma di raccolta del risparmio tra il pubblico, compresa quella che trova sviluppo attraverso lo strumento obbligazionario.

La storia delle Obbligazioni

Al termine degli anni 70 questo strumento rimaneva strettamente riservato agli istituti di credito e alle sezioni specializzate, previa autorizzazione della Banca d’Italia (art. 44 l.b.) e attenendosi ai vincoli articolati in maniera differente in relazione alle singole categorie di istituti (Decreto del Ministro del tesoro del 23 maggio 1981).
I cambiamenti per quanto riguarda le modifiche da apportare all’ordinamento del credito sono avvenute perché il legislatore è stato mosso dall’intenzione di razionalizzare il sistema con l’impostazione di regole utili all’esercizio dell’impresa bancaria, così da poter ottenere un aumento dell’efficienza nell’attività di raccolta.
Nell’andare ad individuare le modifiche da proporre e conseguire nell’ordinamento creditizio, il legislatore è mosso dal bisogno di razionalizzare il sistema usufruendo di un impostazione di regole atte all’esercizio dell’impresa bancaria, e questo per fare in modo di ottenere un aumento dell’efficienza nell’attività di raccolta.
Le condizioni di emissione del prestito obbligazionario, vengono modificate dall’art. 18 del d. lgs. 29 novembre 1990, n. 356, che introdusse dei criteri relativi all’omogeneità del prestito, andando a razionalizzare la raccolta obbligazionaria delle banche, attraverso l’introduzione di una disciplina uniforme per tutte le società che operavano nel medio e lungo periodo.

certificato_unicasim

ultimo aggiornamento: 24-05-2017


Smart Working: Significato e cosa conoscere su questa tipologia di lavoro

Intergea Finance, la crescita del gruppo secondo il rapporto Ania 2017