Su Telegram e altre piattaforme, stanno comparendo crepe nella comunicazione ufficiale russa

Mentre l’esercito di Vladimir Putin assedia Kiev, i suoi organi di propaganda in patria stanno conducendo una guerra impossibile per nascondere e giustificare contemporaneamente l invasione dell’Ucraina . Nonostante la reputazione del presidente russo come un maestro stratega dei media, il suo governo sta perdendo la guerra di propaganda – e velocemente.

I russi più anziani, che consumano le loro notizie principalmente dalla televisione e dai social network controllati dal governo come VK, sostengono in modo schiacciante la guerra . Uno sguardo a VK, che afferma di avere 90 milioni dì utenti attivied è stato controllato dagli alleati di Putin dal 2014, rivela la natura di questo sostegno. In questa sfera controllata dallo stato, la guerra è più evidente per la sua assenza. L’inserimento della frase “#нетвойне” – “no alla guerra”, uno slogan popolare con oltre 430.000 menzioni su Instagram – nella casella di ricerca su VK ha portato a soli 1.700 risultati martedì. Quasi tutti erano favorevoli alla guerra.

I messaggi contro la guerra, quando vengono pubblicati, scompaiono semplicemente dalle piattaforme, rimossi dagli umani o dagli algoritmi.

Ma guarda oltre la sfera dei social media dello stato e iniziano a emergere crepe. Solo il 47% dei russi più giovani dichiara di sostenere la guerra. Più attivi su piattaforme indipendenti o di proprietà straniera come Instagram e il servizio di messaggistica Telegram, stanno esprimendo sostegno all’Ucraina e ascoltando opinioni antigovernative.

Telegram, che consente il totale anonimato e fornisce una crittografia avanzata, si è finora dimostrato non bloccabile dal governo. Negli ultimi anni è stato sempre più utilizzato come spazio organizzativo per la protesta antigovernativa. L’apertura di uno di una serie di canali Telegram in lingua russa, alcuni con un conteggio di abbonati nell’ordine di milioni, offre ai russi un facile accesso a una contronarrativa.

I video del presidente ucraino Volodymyr Zelensky che si rivolge direttamente al pubblico russo si sono ampiamente diffusi sui canali dell’opposizione come Nexta TV. Le emoji “shock” e “pianto” sono le reazioni dominanti tra gli utenti russi mentre il loro paese attacca il suo vicino. Telegram dà loro lo spazio per esprimere quello shock in modo anonimo e senza timore di ripercussioni.

Nel frattempo, su Instagram, le celebrità di lingua russa di entrambi i lati del confine si sono pronunciate contro la guerra. Ivan Urgant, l’ospite del più grande talk show notturno del canale statale Russia 1, ha pubblicato un quadrato nero con l’hashtag “no alla guerra” il primo giorno dell’invasione. Lo spettacolo serale di Urgant è improvvisamente scomparso dal palinsesto televisivo. Secondo il canale , è stato rimosso “in connessione con eventi sociopolitici”. Il post Instagram di Urgant è rimasto visibile da giovedì ai suoi 10 milioni di follower. Il popolare blogger di viaggi ucraino di lingua russa Anton Ptushkin ha pubblicato un videomessaggio implorando la pace ai suoi 2,3 milioni di follower su Instagram. Da allora il post ha ricevuto 59.500 commenti prevalentemente in lingua russa da parte degli intervistati di entrambe le parti del conflitto. Quasi tutti esprimono solidarietà e auguri di pace: “La gente comune è contraria alla guerra, ma nessuno ce l’ha chiesto!”

Al di fuori dei canali controllati dal governo, gli utenti ordinari fanno eco ai sentimenti delle celebrità. Ogni post che mette in discussione, anche solo lievemente, la giustificazione della guerra è accompagnato da una raffica di commenti. Alcuni sono favorevoli alla guerra, altri sono solidali con la difficile situazione dei civili e alcuni chiedono la fine sia della guerra che del regime di Putin.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 06-03-2022


Gli Stati Uniti hanno armato l’Ucraina

Via libera dalla NATO !