Deficit, Italia sotto la lente della Commissione Ue: scostamento nei conti dello 0,7%

La Commissione Ue discuterà oggi della situazione dell’Italia. Tra il 2018 e il 2019 mancherebbero 11 miliardi rispetto gli obbiettivi di Bruxelles.

BRUXELLES – Neanche il tempo di concludere le elezioni europee che l’Italia è già nel mirino della Commissione Ue. L’organo esecutivo con sede a Bruxelles invierà come noto una lettera a Roma in cui notificherà al Governo lo scostamento dei conti rispetto ai parametri continentali.

Deficit, mancano 11 miliardi

Oggi i conti dell’Italia saranno dunque sul tavolo della Commissione Ue per un dibattito sui prossimi passi da compiere nei confronti di Roma. Secondo l’organo diretto da Jean Claude Juncker, tra il 2018 e il 2019 ci sarebbe stato uno scostamento finale dello 0,7% (circa 11 miliardi) rispetto agli obiettivi Ue. E questo a fronte di una richiesta di riduzione del deficit strutturale di 0,6 avanzata a maggio 2018 e di una promessa di taglio dello 0,3% fatta dall’Italia.

Juncker
Fonte foto: https://www.facebook.com/JunckerEU

Conte a Bruxelles

Il premier italiano, Giuseppe Conte, ha avuto un colloquio con il presidente della Commissione europea Juncker a margine della cena di lavoro dei leader Ue. Lo si apprende da fonti italiane. Il capo del Governo di Roma ha parlato proprio del tema riguardante la lettera in arrivo da Bruxelles.

L’avviso di Moscovici

Nel frattempo, Pierre Moscovici, membro della Commissione Ue per gli affari economici, ha ammonito Roma: “Avrò uno scambio di vedute con il governo su misure aggiuntive che potrebbero essere richieste per essere in linea con le regole ma non prediligo sanzioni. Per questo è probabile che avremo uno scambio di lettere. Se un Paese, ad un certo punto, è totalmente fuori dalle regole, non compatibile con le regole, le sanzioni ci sono. Queste principalmente sono dissuasive ma in alcuni casi possono essere anche persuasive. Cerchiamo di evitarlo“. Così a Bloomberg.

ultimo aggiornamento: 28-05-2019

X