Como, padre suicida dà fuoco alla casa: morte tre bambine

Una quarta figlia (di soli 5 anni) è in condizioni gravissime. Salva la madre, ricoverata in una casa di cura. Una brutta tragedia famigliare a Como.

chiudi

Caricamento Player...

Tragedia a Como. Un 49enne di nazionalità marocchina, disperato per aver perso il lavoro, si è suicidato appiccando il fuoco nella sua abitazione, uccidendo tre delle quattro figlie (la quarta bambina, di appena 5 anni, è in condizioni gravissime). Salva la madre, affetta da disturbi psicologici e attualmente ricoverata in una casa di cura. Da quanto si apprende, da tempo la famiglia era seguita dai servizi sociali.

Tragedia a Como, le testimonianze

“So che erano in difficoltà economiche – ha dichiarato un’amica di famiglia ai microfoni dell’Ansa tanto che in alcune occasioni io stessa ho portato loro dei generi alimentari e 12 litri di latte: lui si mise quasi a piangere.  Si dava da fare tantissimo – ha aggiunto – cercava di lavorare in tutti i modi, da quando con la sua attività le cose andavano male. Io non so molto di loro, ma so che già nel giugno scorso quando ho invitato i suoi figli a una festicciola delle mie bambine lui mi disse che la moglie era ricoverata”.

Questa, invece, la testimonianza (sempre raccolta dall’Ansa) di Reza Nasir, un iraniano che vive nella stessa palazzina a Como: “Stamani alle 7.30 sono uscito a fare due passi e non mi sono accorto di niente. Rientrando, però, ho sentito dei condomini che urlavano, mi sono precipitato fino all’appartamento in fiamme e a quel punto, con un badile, abbiamo spaccato la porta. Il papà era un uomo molto dignitoso. Da un po’ di tempo, da quando la moglie era stata ricoverata per depressione, stava sempre con i bambini. Era davvero premuroso, ma so che ha avuto problemi sul lavoro per via delle sue assenze dovute proprio alla necessità di accudire le quattro figlie”.