Fca e Psa completano la fusione e la nascita di Stellantis. Lunedì l’esordio sui mercati con la cerimonia di apertura della seduta.

Si completa la fusione tra Fca e Psa e il 16 gennaio è il giorno della nascita effettiva di Stellantis, che dalla giornata di lunedì 18 gennaio farà il suo esordio sul mercato.

Completata la fusione tra Fca e Psa, nasce Stellantis: il comunicato ufficiale

Il completamento della fusione è stato ufficializzato da Fca e da Psa, che con una nota hanno comunicato la nascita effettiva di Stellantis.

“La fusione tra Peugeot S.A. (“Groupe PSA”) e Fiat Chrysler Automobiles N.V. (“FCA”) (NYSE: FCAU / MTA: FCA), che aprirà la strada alla creazione di Stellantis N.V., è diventata effettiva in data odierna. Come precedentemente annunciato, le azioni ordinarie Stellantis inizieranno ad essere negoziate su Euronext di Parigi e sul Mercato Telematico Azionario di Milano lunedì 18 gennaio 2021 e sul New York Stock Exchange martedì 19 gennaio 2021, in tutti e tre con il simbolo “STLA””.

Di seguito il comunicato pubblicato sul sito di Fca nella giornata del 16 gennaio.

Logo Stellantis
fonte foto comunicato stampa

La cerimonia presso le Borse di Milano e Parigi

Nella giornata di lunedì si procederà con una sorta di cerimonia inaugurale che si terrà presso le Borse di Milano e Parigi, che accolgono il titolo di Stellantis. Tavares (per la parte francese di Psa) e John Elkan (per parte Fca) suoneranno la campana nella cerimonia tradizionale che segna l’apertura delle Borse.

Le preoccupazioni dei sindacati per l’occupazione e la produzione in Italia

Intanto si muovono anche i sindacati che hanno chiesto un incontro a Tavares per avere rassicurazioni sull’occupazione dei dipendenti e sul piano di produzione legato agli stabilimenti italiani.

Servono nuovi modelli, volumi produttivi sufficienti a far cessare definitivamente la cassa integrazione e il rilancio degli stabilimenti torinesi“, fanno sapere i sindacati che vogliono quindi garanzie.


La Cgia: ristori insufficienti. 29 miliardi agli imprenditori che ne hanno persi 423

Crisi di governo, i dossier a rischio