Compromessi i dati di 3 milioni di clienti di Unicredit. La banca ha iniziato a contattare tutte le persone potenzialmente interessate.

ROMA – Compromessi i dati di 3 milioni di clienti di Unicredit. A comunicare l’hackeraggio è stata la stessa banca attraverso il team di sicurezza informatica: “Non sono stati compromessi altri dati personali – ha detto l’istituto in una nota – né coordinate bancarie in grado di consentire l’accesso ai conti dei clienti o l’effettuazione di transizioni non autorizzate“.

Avviata un’indagine interna per cercare di individuare eventuali responsabilità interne. Contattati gli utenti che potrebbero essere stati interessati da questa vicenda. Anche se i conti dei clienti non dovrebbero aver subito l’hackeraggio.

Hackerato il sistema di Unicredit, la ricostruzione

E’ in corso un’indagine per cercare di risalire ai responsabili di questo hackeraggio. Secondo una prima ricostruzione, le persone sono riusciti a ‘bucare’ parte del database del gruppo bancario e a spostare i dati trafugati sul darkweb. La scoperta di questa manomissione è stata fatta grazie ad una segnalazione fatta all’istituto.

Nelle prossime ore si cercherà di capire se oltre ai dati trafugati gli hacker sono entrati in possesso anche di altro. L’entrata nel sistema è stato segnalato alla polizia postale ma anche al Garante della Privacy.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

UniCredit
Fonte foto: https://www.facebook.com/UniCreditItalia

Il file era stato generato nel 2015

L’hackeraggio è stato segnalato dalla banca in una nota. Unicredit ha, inoltre, specificato che si tratta di un file generato nel 2015 che conteneva circa 3 milioni di records, riferiti al perimetri italiano. E questo era composto solo da nomi, città, numeri di telefono ed e-mail.

Proprio per questo motivo non sembrano essere stati ‘intaccati’ i conti dei clienti. E’ stata aperta un’indagine con l’istituto che ha iniziato a contattare tutte le persone interessate da questo hackeraggio. Una vicenda che potrebbe portare l’istituto a rafforzare il proprio sistema di sicurezza.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/UniCreditItalia

ultimo aggiornamento: 29-10-2019


Tiffany, maxi-offerta dal gruppo Lvmh: le cifre

Sole 24 ore, l’ex direttore Napoletano a processo