Il Concertone Primo Maggio senza la piazza. Ambra Angiolini: “Non è una festa. Torneremo il prossimo anno”.

ROMA – E’ un Concertone del Primo Maggio strano e insolito visto che per l’emergenza coronavirus l’evento ha dovuto dire addio alla piazza di San Giovanni di Roma.

Anche se gli organizzatori hanno voluto aprire proprio in quel luogo l’edizione numero 30 del Concertone con un Ambra Angiolini emozionata che ha fatto una promessa a tutti: “Lasciamo la piazza con la volontà di ritornarci il prossimo anno con musica e risposte“.

Ambra Angiolini: “Non è una festa”

Per il terzo anno consecutivo la conduzione del Concertone è stata affidata ad Ambra Angiolini. E la showgirl ha deciso di aprire con un monologo molto emozionante.

Non si tratterà di una festa quest’anno – ha detto l’attrice e conduttrice – perché ci siamo accorti che tanti operatori sanitari non hanno lavorato con la giusta tutela. Ci siamo accorti che è partita la campagna elettorale immediatamente, e di come le falle siano state coperte dai risparmi della gente comune, quella gente che ora sta rischiando il lavoro. Ci siamo accorti che troppo dire fa male, soprattutto se confuso. Ma ci facciamo un applauso perché ci siamo accorti tutti di quanta forza siamo capaci“.

Concertone Primo Maggio
fonte foto https://twitter.com/RaiTre

Zucchero: “Abbiamo bisogno di risposte”. Tosca intona ‘Bella Ciao’

Diversi i cantanti che si sono esibiti tra live e video registrati. Tra loro Tosca ha deciso di intonare Bella Ciao, canzone simbolo del Concertone del Primo Maggio. Da Zucchero, invece, ha fatto un appello al Governo.

Per me è dura stare a casa ma in questo momento non voglio parlare di me. Parliamo di quante persone fanno parte del mio tour, da 60 a 80 persone, almeno. Sono ragazzi che hanno famiglie da mantenere e non sanno cosa succederà. La prima cosa da fare subito dopo la quarantena è andare in tour, anche a piedi“.

fonte foto copertina https://twitter.com/RaiTre


Concertone Primo Maggio, da Vasco Rossi a Zucchero

Tre imprenditori arrestati per caporalato nel Foggiano