Il governo ha frenato sulla revoca della concessione alla società Autostrade per l’Italia: “Valuteremo dopo i controlli”.

ROMA – Dopo gli annunci sulla possibile revoca della concessione alla società Autostrade per l’Italia, il Governo ha frenato. Il vicepremier, Matteo Salvini, ha predicato calma: “Da loro ci aspettiamo un risarcimento e un aiuto ai parenti delle vittime, dei feriti e dei seicento sfollati e della comunità di Genova in termini di esenzione dei pedaggi. Il resto si vedrà dopo“.

Matteo Salvini
fonte foto https://www.facebook.com/salviniofficial/

Sulla stessa linea del ministro anche il presidente della Liguria, Giovanni Toti: “Sentirò i vertici ma mi aspetto correttezza e un gesto concreto sin da subito. Sono disponibili a chiamarli immediatamente“. Una piccola smentita alla decisione di ieri è arrivata anche dal numero uno delle Infrastrutture, Danilo Toninelli: “Gli esperti – ha scritto su Facebook – saranno al lavoro nei prossimi giorni per i primi accertamenti. L’esito dei controlli dovrà arrivare entro un mese e solamente dopo valuteremo l’eventuale revoca della concessione ad Autostrade per l’Italia”.

Di seguito il post del ministro Danilo Toninelli

Il premier Conte su Facebook: “Il Governo non dimenticherà Genova”

Sono stati due giorni intensi per il premier Conte che ha lasciato Genova solamente nel pomeriggio di oggi, 16 agosto 2018. Il presidente del Consiglio ha voluto lasciare un pensiero attraverso la propria pagina Facebook: “Sabato 18 agosto – ha scritto – abbiamo proclamato la giornata di lutto nazionale per le vittime del crollo del ponte Morandi. Alle 11:30 sarò alle celebrazioni dei funerali solenni che si svolgeranno presso la Fiera di Genova“.

Oggi – continua il post – insieme a Di Maio abbiamo coordinato le attività del Centro di coordinamento dei soccorsi e fatto il punto sul numero delle persone coinvolte e dei decessi accertati. In questo momento le vittime sono 38, i feriti 15, di cui cinque in codice rosso. Abbiamo anche fatto un aggiornamento sulle persone sfollate, per assicurare loro un alloggio, e una ricognizione sul sistema viario per assicurare che la città di Genova e anche il traffico regionale e nazionale possano riprendere a funzionare in modo efficiente“.

Sabato, subito dopo i funerali, mi recherò in Prefettura per coordinare un’altra riunione del Centro di coordinamento dei soccorsi. Probabilmente nella stessa giornata si terrà un altro Consiglio dei Ministri. Non lasciamo sola Genova“.

Di seguito il post del premier Conte sui social

fonte foto copertina https://www.facebook.com/GiuseppeConte64/


Caso Maugeri, la Corte dei Conti sequestra 5 milioni di euro a Formigoni

Martina (Pd): “Attacchi infami, vie legali contro gli squadristi”