Il commissario Arcuri in conferenza stampa: “I ritardi hanno rallentato significativamente la campagna vaccinale”.

ROMA – Consueto appuntamento in conferenza stampa con il commissario Arcuri. Il manager ha fatto il punto sulla campagna vaccinale: “Abbiamo ricevuto il 29% delle dosi in meno – ha detto il dirigente, riportato da Il Gazzettino – e ci è stato detto che la prossima settimana ci sarà una riduzione del 20%. Ritardi che hanno rallentamento significativamente la campagna vaccinale […]“.

Il punto su AstraZeneca

Il commissario Arcuri ha fatto il punto anche su AstraZeneca: “Le informazioni a nostra disposizione prevedono una consegna di otto milioni di dosi nel primo trimestre. Stiamo discutendo con l’azienda e la fase di distribuzione è già organizzata. La casa farmaceutica consegnerà tutte le fiale a Pratica di Mare e noi le distribuiremo. Non perderemo neanche un secondo […]“.

Vaccino
Vaccino

Il monitoraggio della Fondazione Gimbe

Come ogni giovedì, pubblicato il rapporto della Fondazione Gimbe. “Dopo due settimane di lenta risalita delle curve – il commento del presidente Nino Cartabellotta – si osserva una riduzione dei nuovi casi grazie agli effetti del Decreto Natale, che nei primi giorni ha di fatto colorato di rosso l’intero Paese. In calo anche la pressione sui servizi sanitari e il numero dei decessi”.

Una parte del rapporto è dedicata anche alla situazione vaccini in Italia: “Tenendo conto dei ritardi dei possibili ritardi di consegna, anche comunicati last minute come nel caso di Pfizer – ha detto il presidente della Fondazione – è fondamentale che in questa fase le Regioni accantonino i vaccini per la somministrazione della seconda dose. La campagna vaccinale non è una gara di velocità. L’unità di misura su cui confrontarsi, sia con gli altri Paesi, sia tra le Regioni, non è infatti il numero di dosi somministrate, ma le percentuale della popolazione che ha completato il ciclo vaccinale, garanzia di efficacia del 94-95% nel prevenire la Covid-19 sintomatica“.


Sfida estrema sui social, dichiarata la morte cerebrale per la bambina di 10 anni

Covid, si teme una nuova variante più contagiosa. L’allarme in Francia