La nuova conferenza stampa di Biden sull’Afghanistan: “Io ho preso un impegno e l’ho rispettato. E’ finita la guerra”.

WASHINGTON (STATI UNITI) – Nuova conferenza di Joe Biden sull’Afghanistan. Il presidente americano, riportato dal Corriere della Sera, ha ricordato come “gli Stati Uniti hanno posto fine a 20 anni di guerra e l’evacuazione è stata un successo straordinario […]. Io ho preso un impegno e l’ho rispettato ma con i terroristi non abbiamo ancora finito. Gli Stati Uniti non dimenticheranno, non perdoneranno, vi inseguiremo fino agli inferi e pagherete il vostro pezzo […]“.

Biden: “In Afghanistan ci sono ancora 100-200 americani”

Il presidente Biden ha affermato che “in Afghanistan ci sono ancora 100-200 americani e per loro non esiste nessuna deadline. Siamo disposti a farli uscire quando vogliono […] Non volevamo prolungare la guerra in esterno e sicuramente non esistono evacuazioni senza difficoltà […]“.

L’avanzata del talebani continuava – ha aggiunto – e davanti a noi avevamo due strade: o seguire gli accordi presi in passato da Donald Trump o inviare migliaia di soldati in una escalation della guerra e abbiamo deciso per la prima. Purtroppo governo ed esercito non hanno resistito quanto pensavamo“.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Joe Biden
Joe Biden

Il presidente americano: “La nostra strategia deve cambiare”

L’inquilino della Casa Bianca ha confermato ancora una volta la linea intrapresa. “Era ora – le sue parole – di finire questa guerra. Davanti a noi c’è un mondo nuovo e dobbiamo difendere il Paese da nuove minacce. La strategia deve cambiare e non avevamo bisogno di continuare con una guerra di terra […]. Il mio obbligo da presidente americano è quello di difendere la nazione non solo dalle minacce del 2001, ma da quelle di oggi e domani ed è questo il principio che ha guidato la mia scelta. C’è un nuovo mondo davanti a noi e nuove sfide come la competizione con Cina e Russia“.

TAG:
primo piano

ultimo aggiornamento: 31-08-2021


Afghanistan, Lamorgese: “Piena disponibilità dei Paesi Ue ad accogliere i profughi”

1 settembre 1969, il colonnello Gheddafi prende il potere in Libia