Serie A, Lazio-Inter: la conferenza stampa di Simone Inzaghi e quella di Antonio Conte. Il tecnico dei nerazzurri: “VAR a chiamata non mi piace”.

Alla vigilia della maxi sfida tra Lazio e Inter, che si affrontano all’Olimpico in una partita con vista Europa, Simone Inzaghi e Antonio Conte hanno incontrato i giornalisti in conferenza stampa.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Lazio-Inter, la conferenza stampa di Simone Inzaghi

Nella prima parte della sua conferenza stampa l’allenatore della Lazio ha parlato del valore e del prestigio della partita tra quelle che al momento sono a pieno diritto due candidate allo Scudetto.

“Fa un bel effetto, la classifica dice che è una partita scudetto. Affronteremo un avversario forte e determinato ma ci stiamo preparando nel migliore dei modi. Proveremo a fare una grande partita. La gara è importante ma non decisiva, ci saranno altre 14 partite e tanti punti in palio. Certo, vincere ti darebbe una spinta in più. Siamo consapevoli di noi stessi, siamo qui perché ce lo meritiamo. Non abbiamo l’ossessione scudetto, da quattro anni a questa parte il nostro obiettivo è un altro”.

Inevitabile poi un commento sulla possibile rivoluzione del VAR a chiamata.

“Lascerei tutto com’è. Si è faticato, eravamo abituati ad un altro calcio, ora stiamo accettando la Var che in alcuni situazioni oggettive ha migliorato il calcio. Dopo tanto tempo lo abbiamo accettato e lascerei le cose così.

Parlando della partita, Simone Inzaghi ha parlato delle possibili chiavi tattiche della sfida.

“Dovremo giocare con lucidità. Affronteremo una squadra organizzata e ben allenata, con campioni in campo. Dovremo fare la nostra partita”.

Simone Inzaghi
fonte foto https://twitter.com/OfficialSSLazio

Antonio Conte in conferenza: “Il VAR a chiamata non mi piace”

Nella prima parte della sua conferenza stampa Antonio Conte ha parlato della gara contro i biancocelesti, avversari temibili e in un grande momento sia dal punto di vista fisico che psicologico.

“Sarà una partita con alto indice di difficoltà. La Lazio si sta imponendo anche a livello di trofei, è cresciuta tanto mantenendo i giocatori più forti, Inzaghi sta facendo un ottimo lavoro. C’è stato uno sviluppo del suo lavoro in questi anni”.

Il tecnico dei nerazzurri ha parlato anche del lento inserimento di Eriksen, che continua la fase di adattamento al campionato italiano.

“Eriksen sta lavorando con noi, sicuramente sta capendo sempre di più che tipo di situazioni vogliamo da parte sua, come vi avevo detto sin dall’inizio ho fatto una cosa che non avevo mai fatto in carriera, cioè farlo giocare subito. Con l’Udinese qualcuno aveva parlato di una prestazione non buona da parte sua, ma è normale. Adesso c’è stato più tempo per lavorare, ha inciso le ultime volte che è entrato, sicuramente lo vedremo dall’inizio nelle prossime gare quando lo riterrò opportuno”.

Anche Antonio Conte ha parlato del VAR Challenge che sta facendo discutere gli allenatori.

“Sinceramente non mi piace, io non devo chiamare nessuno. Se c’è una situazione chiara, sotto gli occhi di tutti, devono vederla gli arbitri. Abbiamo già tanti pensieri durante le partite, ci manca solo che dobbiamo chiamare il Var. La gente che sta lì cosa fa? Le immagini sono abbastanza chiare per prendere una decisione uniforme al 95%. Quindi la trovo una cosa non utile, ci sono le immagini che parlano”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

calcio news Inter

ultimo aggiornamento: 15-02-2020


Juventus-Brescia, Sarri: “Campionato equilibrato”. Out CR7

Cagliari-Napoli, Gattuso: “Allan non si è allenato come voglio io, resta a casa”