Stefano Pioli parla in conferenza stampa per la sfida tra Milan e Lazio: l’ex tecnico della Fiorentina affronta vari temi come Giroud e Kessié

Stefano Pioli torna a parlare in conferenza stampa per Milan-Lazio valida per la terza giornata di Serie A! L’ex tecnico della Fiorentina ha affrontato vari temi: dalla positività di Oliver Giroud al rinnovo di Franck Kessié passando per i nuovi acquisti.

GIROUD – “È stata una sosta abbastanza buona perché non ci voleva l’infortunio di Krunic. Arriva un momento della stagione in cui saremo impegnati ogni tre giorni. Non ci sarà Krunic e non ci sarà Giroud“.

KESSIÉ E IBRA – “Stanno bene e hanno lavorato con continuità. Sono disponibili per domani. Ibra è un grande e sa benissimo quali sono le sue condizioni. Quattro mesi lontano dal campo sono tanti. Non ha una condizione ottimale e andrà gestito. Domani penso che possa avere uno spezzone di gara, non ha i novanta minuti nelle gambe. Vedremo che scelte fare“.

RINNOVO KESSIÉ – “Vorrei che firmasse ma è una situazione che riguarda il club e il suo agente. Io con lui parlo solo di campo e vedo sempre un Franck motivato e positivo. I nostri tifosi sono troppo intelligenti per non mettere il Milan sopra ogni cosa. Se ne sta parlando troppo del suo rinnovo”.

TONALI – “Credo che la sua crescita sia sotto gli occhi di tutti. E’ un giocatore completo, con capacità tecniche e fisiche. Deve continuare così”.

JUNIOR MESSIAS – “Ha bisogno di una lavoro specifico e non sarà con noi nelle prossime partite. Lui è molto disponibile, intelligente, voglioso di dimostrare le sue qualità. Può giocare a destra e come trequartista”.

BAKAYOKO – “È arrivato ma è un po’ indietro nella condizione. Sta lavorando bene”.

LUIS ALBERTO – “La trattativa per lui? Non ho mai fatto richieste, sono contentissimo della squadra che sto allenando”.

ROMAGNOLI – “Domani schiererò la miglior formazione possibile in base a quello che ho visto. Deciderò domani mattina in base a come si sono allenati quelli che sono rimasti a Milanello e alle condizioni di quelli che sono rientrati dalle nazionali”.

BRAHIM DIAZ – “È un giocatore molto forte ed è cresciuto tantissimo. È un classico trequartista con grandi qualità che deve cercare giocate difficili”.

FELIPE ANDERSON – “Ho detto che è immarcabile ma spero che domani sia marcabile, abbiamo i difensori adatti a contrastare gli attaccanti della Lazio. Con me alla Lazio fece una stagione incredibile. Ogni tanto sembra uscire dalla partita ma ha guizzi importanti”.

CENTROCAMPO A TRE – “Può essere un’idea per il futuro ma c’è bisogno che tutti i centrocampisti siano al meglio”.

PELLEGRI – “Sta bene, lavora con molta partecipazione. Sta curando le sue situazioni e credo possa essere convocato”.

Per La Lazio non c’è Maurizio Sarri: ecco Mattia Zaccagni

Niente conferenza stampa della vigilia per Maurizio Sarri, tecnico della Lazio, che ha lasciato il posto a Mattia Zaccagni. L’assenza è giustificata, informa il club, dagli accordi presi con Dazn: per la metà delle partite il tecnico dovrà parlare pochi minuti prima del calcio d’inizio, di conseguenza non è stato presente in conferenza stampa. Ecco dunque le parole dell’ex Hellas Verona dopo quelle di Stefano Pioli:

RUOLO IN CAMPO – “Sono molto contento di essere qui, sono arrivato in un bellissimo gruppo, il ruolo sarà quello che ho ricoperto a verona, spero di far bene”.

IMPATTO ALLA LAZIO – “Il primo giorno ho sentito calore dei compagni, sono bravissimi ragazzi, fin da subito appena ho saputo della Lazio per me è stato subito un sì anche perchè sono convinto che il mister saprà esaltare le mie caratteristiche. La Lazio è stato sempre un club importante ha una grande storia”. 

OBIETTIVI PERSONALI E DELLA LAZIO – “Giocare più partite possibile, e sulla Lazio vincere partita dopo partita e vediamo dove ci porterà”.

MIGLIORAMENTI PERSONALI – “Io ci metto tutta la buona volontà e penso che Sarri possa farmi migliorare soprattutto in fase offensiva”.

ultimo aggiornamento: 11-09-2021


Simone Inzaghi: “Bastoni out con la Samp! Potremmo giocare con tre punte”

Serie A, José Mourinho: “Nazionale? Problemi da anni. Zaniolo deve crescere”