Conflitto d’interessi per il fratello di Marra: Raggi a rischio indagine

Dopo l’arresto, Raffaele Marra è ora indagato per conflitto d’interessi: l’ex capo del Personale è colpevole di aver promosso il fratello a responsabile del Turismo del Campidoglio

chiudi

Caricamento Player...

Nuovi problemi per Virginia Raggi. Dopo l’arresto del suo fedelissimo Raffaele Marra, è quest’oggi arrivato il comunicato dell’ANAC (Autorità nazionale anticorruzione, ndr) la quale accusa l’ex capo del Personale di aver promosso il fratello Renato a responsabile del Turismo del Campidoglio, fatto ritenuto configurabile come conflitto di interessi. Nel registro degli indagati potrebbe così finirci anche il nome di Virginia Raggi, rea di essersi assunta la responsabilità della nomina illegittima. Infatti, come si legge dal comunicato, il tentativo del Sindaco di Roma di proteggere Raffaele Marra da una possibile indagine si è rivelato invano: “Il conflitto d’interessi sussiste sia nel caso in cui il dirigente abbia svolto un mero ruolo formale nella procedura, che nell’eventualità di una sua partecipazione diretta all’attività istruttoria, come sembrerebbe emergere dall’ordinanza sindacale n. 95/2016“.

Il comunicato

La delibera adottata dall’Autorità è stata trasmessa alla procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma, alla struttura comunale competente per l’accertamento dell’eventuale responsabilità disciplinare e alla procura regionale della Corte dei Conti e all’Ispettorato della funzione pubblica per le questioni relative all’inquadramento del dottor Marra nei ruoli della dirigenza di Roma Capitale. Ulteriori elementi riguardanti la procedura di interpello sono stati chiesti al Rpct di Roma Capitale“.

Marra