Congresso di Fdl, Meloni senza freni: "Non siamo una capocrazia"
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Congresso di Fdl, Meloni senza freni: “Non siamo una capocrazia”

Arianna Meloni

Fratelli d’Italia a Roma, Arianna Meloni sottolinea l’importanza del dialogo e della democrazia interna.

Fratelli d’Italia (FdI), il partito guidato da Giorgia Meloni, si appresta a vivere un fine settimana decisivo per il futuro della sezione romana. Arianna Meloni, responsabile della segreteria e delle tessere per FdI, ha evidenziato l’importanza dell’evento.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

La sorella della premier, come riportato dall’Ansa, ha affermato come Fratelli d’Italia sia: “Un bellissimo congresso di confronto, allo stato ci sono due candidati e vedremo come andrà. Dimostra che siamo un partito vero, non una capocrazia“.

Arianna Meloni
Arianna Meloni

La competizione interna a FdI: interviene Arianna Meloni

Durante il congresso, che si tiene all’Eur, verranno affrontate le candidature per il ruolo di coordinatore di partito a Roma. I candidati, Marco Perissa e Massimo Milani, presenteranno le loro mozioni congressuali, dando il via a un dibattito cruciale per il pomeriggio.

Le urne, distribuite in 18 sezioni e sorvegliate da due parlamentari ciascuna, apriranno alle 14 di oggi. Per poi chiudersi domenica alle 20, quando verrà annunciato il nome del nuovo coordinatore nella Capitale.

Questo momento di scelta interna arriva in un contesto di tensione, dato il timore di un confronto “fratricida” tra le fazioni del partito. La competizione vede in particolare l’opposizione tra l’ala legata al ministro Francesco Lollobrigida e quella vicina a Fabio Rampelli. Perissa che sembra godere di un maggior supporto rispetto a Milani.

Il caso della ministra Santanché

Al di là delle dinamiche interne, il congresso si svolge in un momento delicato per FdI, con la partecipazione di figure istituzionali come il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, e il presidente del Lazio, Francesco Rocca. Un’assenza significativa è quella della presidente del Consiglio Giorgia Meloni, sebbene il dibattito sul futuro del partito a Roma non ne risenta.

Il congresso è anche occasione di riflessione su temi più ampi, come le implicazioni delle indagini giudiziarie che coinvolgono la ministra Daniela Santanchè. Diverse le voci politiche si sono espresse in merito, tra cui Elly Schlein.

Interrogato a riguardo, come riportato da Open.online,it, il ministro Lollobrigida ha minimizzato: “Mi sembra che abbia già chiarito che eventualmente arrivasse un rinvio a giudizio ne prenderebbe atto e conseguentemente agirebbe“.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 23 Marzo 2024 11:41

Schlein punta il dito verso il governo: “Santanché? Meloni agisca”

nl pixel