Il Consiglio della Bce ha deciso di aumentare il piano di acquisti anti-coronavirus: altri 600 miliardi.

FRANCOFORTE (GERMANIA) – Fumata bianca al Consiglio della Bce. La Banca Centrale Europea ha deciso di aumentare il piano di acquisti anti-Covid. Altri 600 miliardi aggiunti alla cifra precedente con il totale che sale a 1.350 miliardi.

Nella riunione è stato deciso anche una estensione del programma con la scadenza fissata a giugno 2021.

Lagarde: “Crollo senza precedenti”

Nella consueta conferenza stampa Christine Lagarde ha parlato di “un crollo senza precedenti dell’economia nel secondo trimestre con il recupero che sarà molto tiepido“.

La nuova stima della Bce prevede una contrazione della crescita dell’8,7% con un rimbalzo nel 2021 del 5,2% seguito da un +3,3% nel 2022. Sono state tagliate anche le stime nel 2020 allo 0,3%. Il prossimo anno si dovrebbe avere una crescita dello 0,8% mentre nel 2022 ci potrà essere un +1,3%. Si tratta naturalmente di numeri che dovranno essere confermati nei prossimi mesi. La Banca Centrale Europea è pronta ad aumentare ancora di più gli acquisti nei prossimi mesi per aiutare l’economia a rilanciarsi dopo l’emergenza coronavirus.

Christine Lagarde
Christine Lagarde

Le Borse reagiscono in positivo

La decisione della Bce sembra aver fatto, in parte, bene alle Borse. Dopo un inizio in negativo, gli indici europei hanno concluso gli scambi in positivo anche se sempre in rosso. La migliore è stata Piazza Affari che al termine della giornata ha registrato una chiusura con un -0,04%. Londra cede lo 0,64% mentre Francoforte e Parigi perdono rispettivamente lo 0,45% e lo 0,21%. Bene lo spread che ha terminato a 174 punti base.

Il petrolio accresce le perdite per la paura del mancato accordo nella riunione Opec+. Un vertice che ha deciso di estendere fino a luglio i tagli di 9,7 milioni di barili al giorno. Altalenante, invece, la Borsa americana. Wall Street è stata più o meno piatta mentre le contrattazioni del Nasdaq si sono chiusi con un calo dello 0,69%.


Decreto Rilancio, Morani: ampliare ecobonus ad auto tradizionali a basse emissioni

Il dl Imprese è legge, il Senato vota la fiducia con 156 sì