Assenteismo, via libera del Consiglio dei Ministri al ddl 'concretezza'

Assenteismo, via libera del Consiglio dei Ministri al ddl ‘concretezza’

Il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera al ddl concretezza contro l’assenteismo. Ecco tutte le misure.

ROMA – Troppo assenteismo al lavoro? Il Governo ha pronto la misura per combatterlo. Il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera al disegno di legge chiamato ‘concretezza‘. Questa nuova riforma – proposta dal ministro Giulia Buongiorno – prevede interventi per la prevenzione contro le assenze al lavoro e soprattutto interventi per garantire la concretezza delle azioni delle pubbliche amministrazioni.

Giuseppe Conte
Giuseppe Conte (fonte foto: https://www.facebook.com/GiuseppeConte64/)

Assenteismo, ecco cosa prevede il ddl ‘concretezza’

Il disegno di legge – che è stato approvato in via definitiva – cercherà di combattere l’assenteismo con i controlli ‘biometrici dell’identità‘ che potranno essere eseguiti con le impronte digitali o l’identificazioni facciale o dell’iride.

Dal 2019 è inoltre previsto il turnover con assunzioni di personale a tempo indeterminato nel limite del 100% della spesa relativa alle persone che sono uscite nell’anno precedente. Non ci sarà quindi un limite di impiegati da assumere ma di spesa. Secondo le previsioni della maggioranza questo dovrebbe consentire di diminuire la disoccupazione giovanile visto che il personale anziano di solito guadagna di più.

Infine si punta anche sulle competenze digitali. Nei prossimi mesi dovrebbe nascere il ‘nucleo della concretezza‘ che avrà il ruolo di verificare la corretta applicazione delle disposizioni in materia di organizzazione e funzionamento delle amministrazioni e garantire un miglioramento “con indicazione dei tempi per la realizzazioni delle azioni correttive“.

Il Governo è al lavoro per cercare di garantire una maggiore presenza negli uffici ma anche per provare ad abbassare le percentuali della disoccupazione giovanile.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/palazzochigi.it/

ultimo aggiornamento: 26-10-2018

X