WSJ, Twitter avrebbe avviato contatti preliminari con TikTok per discutere della fusione tra le due app. Ma Microsoft resta in vantaggio nella trattativa.

Secondo quanto riferito dal Wall Street Journal, anche Twitter avrebbe messo gli occhi su TikTok, con il quale sarebbero andati avanti colloqui preliminari mirati a una potenziale fusione.

Twitter, colloqui preliminari con TikTok per una fusione

Dal WSJ fanno sapere che non è chiaro se Twitter cerchi un accordo con TikTok. Di certo si tratta di una operazione complicata anche se la fusione interesserebbe solo le operazioni statunitensi..

Le difficoltà sono comunque molteplici. Innanzitutto per il valore economico della trattativa. Parliamo di un’operazione da svariate decine di miliardi, con Twitter che dovrebbe trovare i fondi necessari per chiudere la trattativa entro i prossimi quarantacinque giorni circa.

TikTok logo
Fonte foto copertina: https://newsroom.tiktok.com/

L’ultimatum di Trump e la concorrenza di Microsoft

Già, perché a complicare la trattativa c’è anche la posizione di Donald Trump, che con decreto ha caldamente invitato TikTok a vendere (almeno per quanto le operazioni Usa) entro i prossimi 45 giorni. In caso contrario scatteranno sanzioni per chiunque faccia affari con la ByteDance (ovviamente per quanto riguarda l’applicazione considerata come una minaccia per la pubblica sicurezza).

Ultimo ostacolo non proprio semplice da superare per Twitter per quanto riguarda l’operazione TikTok è la concorrenza di Microsoft. Il colosso avrebbe iniziato a trattare da tempo e sarebbe a buon punto. Anzi, secondo le indiscrezioni avrebbe manifestato interesse per le operazioni di tutti i Paesi, non solo di quelle degli Stati Uniti. Siamo nel campo delle indiscrezioni, certo, ma parliamo di una società con una capitalizzazione di mercato che supera i mille miliardi (contro i 30 miliardi circa di Twitter).

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
economia evidenza tiktok twitter

ultimo aggiornamento: 10-08-2020


Hong Kong, arrestato Jimmy Lai, magnate dell’editoria. E’ accusato di collusione con potenze straniere

Recovery Fund, Gentiloni: ‘Non è il secondo tempo dell’azione di pronto soccorso’