Il Premier Conte prova a superare la fase di stallo avviando il confronto sul Recovery plan italiano. Ma Italia Viva alza ancora i toni dello scontro.

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte avvia il confronto con le forze politiche che formano la maggioranza per chiudere il dossier sul recovery plan. Evidentemente l’obiettivo del Presidente del Consiglio è quello di arrivare al via libera in tempi relativamente brevi per poter inviare il piano italiano a Bruxelles per la prima verifica.

Conte avvia i confronti sul Recovery Plan

Conte decide di rimandare il confronto finale della verifica di governo e spinge sul Recovery plan, convinto che si tratti della priorità dell’Italia. E su questo non ci sono dubbi. Il Presidente del Consiglio accoglie gli inviti del Partito democratico e prova ad uscire dalla fase di stagnazione degli ultimi giorni. Decreto di Natale escluso.

Il confronto sul Recovery plan inizierà ovviamente dal Movimento 5 Stelle, che rappresenta ancora la prima forza della maggioranza di governo, poi si passerà al Pd e quindi si concluderà con gli ultimi incontri, quelli con la delegazione di Italia Viva e con la delegazione di Leu.

Giuseppe Conte
Giuseppe Conte

Italia Viva sbarra la strada al governo

E non ci sono dubbi sul fatto che ancora una volta il punto di svolta potrebbe essere rappresentato dal confronto con Italia Viva. Ancora negli ultimi giorni e nelle ultime ore le Ministre in quota Iv hanno fatto sapere di essere pronte a rassegnare le proprie dimissioni. Il governo non si muove quindi in un contesto semplice, anzi. Italia Viva continua a dettare le condizioni, o meglio gli ultimatum. Resta da capire se si tratti di un grande bluff di Renzi o se effettivamente il leader di Iv ha un’altra clamorosa capriola politica in serbo e quindi voglia effettivamente far cadere Conte.

E che la situazione sia particolarmente complessa lo si intuisce anche dalle reazioni di Iv alle convocazioni per il confronto sul Recovery plan. “Nessuno ci ha convocato. Se il cambio di metodo che chiedevamo è che dobbiamo apprendere di riunioni dagli sms di Casalino non hanno capito cosa stanno rischiando”, fanno sapere fonti di Italia Viva come riportato dall’Ansa.


Emmanuel Macron, il presidente della Francia in carica dal 2017

Cig per gli autonomi, vini, auto e bonus doccia: gli ultimi emendamenti alla Manovra